X
<
>

Giuseppe Conte

Tempo di lettura 3 Minuti

Soltanto oggi, a 24 ore dalla riapertura delle attività rimaste finora bloccate, le singole Regioni potranno emanare le rispettive ordinanze per regolamentare la Fase 2. Ancora ieri un lungo e faticoso braccio di ferro tra il Governo e le Autonomie per arrivare al compromesso delle linee guida con cui sono state ridotte le distanze metriche al ristorante, in spiaggia e dal parrucchiere. Sulla base dell’ultimo dpcm approvato ieri sera (LEGGI), le Regioni decideranno quindi di adattare le regole sempre in base alla situazione epidemiologica sul proprio territorio.

GUARDA IL VIDEO DELLA CONFERENZA STAMPA DEL PREMIER GIUSEPPE CONTE

Il monitoraggio nazionale sarà continuo. Da domani si potrà circolare senza autocertificazione e spostarsi liberamente nella propria regione.

LE PREVISIONI

Il clima sociale non è sereno. Metà commercianti, infatti, domani non aprirà i battenti. A Milano gli esercenti sono scesi in piazza, ben distanziati, per gridare la loro contrarietà alle norme nazionali: “Non apro oggi per non fallire domani”, il claim sui cartelli esposti. Secondo la Cna, 6 imprese su 10, tra negozi, bar e ristoranti, sono intenzionati a riaprire. “Più di tutti è pesata la previsione di essere costretti a lavorare in condizioni antieconomiche. Gli imprenditori –hanno spiegato – temono l’impatto della rigidità delle linee guida sulle attività, e di rimanere schiacciati tra l’aumento dei costi di gestione e il prevedibile calo dei ricavi. Sono preoccupati, inoltre, anche dal tema delle responsabilità legali”. Previsioni simili daUnimpresa che ha pronosticato saracinesche abbassate anche nella Fase 2 per un negozio su tre: “Il 33% di bar, ristoranti e commercio al dettaglio, affossato dai costi, non sarà in condizione di ripartire e non riaprirà: per almeno un terzo degli imprenditori, la ripresa di alcuni esercizi commerciali è sconveniente sul piano economico, tenuto conto dei costi fissi che non vengono in alcun modo congelati né ridotti”. Qui conterà molto, il ruolo delle Regioni chiamate a calmare gli animi di chi è infuriato con Roma. L’Inail prevedeva almeno due metri di distanza tra i tavoli e quattro metri quadri a cliente, ma le Regioni hanno cambiato di molto lo scenario consentendo ai gestori poche modifiche alle distanze. E che le idee non siano chiarissime lo si deduce anche dalla posizione della divulgatrice scientifica, Roberta Villa, componente della task force di Palazzo Chigi anti fake news: “Le Regioni che hanno avuto pochissimi casi hanno dovuto subire il severissimo lockdown; la Lombardia e il Piemonte, che da sole hanno ogni giorno ben più della metà dei nuovi positivi, ora riapriranno come la Basilicata o la provincia di Bolzano, che hanno solo casi sporadici. La difesa dal virus è stata su base regionale, con approcci e norme che cambiavano a distanza di pochi chilometri, in territori epidemiologicamente omogenei; i provvedimenti relativi alle riaperture, invece, sono di pertinenza del Governo, e sono uguali per tutti, a livello nazionale, senza tenere conto delle enormi differenze epidemiologiche esistenti. Capisco le cause costituzionali di questo squilibrio, ma ne vedo anche t l’assurdità”.

L’ALLARME

Al Sud il contagio è sotto controllo, anche se in Campania è spuntata una nuova zona rossa, a Letino nel casertano dove sono “apparsi” 13 positivi asintomatici. La vera preoccupazione non è sanitaria, quanto sociale. Il sindaco di Napoli Luigi de Magistris ha lanciato l’allarme sulla cancellazione dei servizi essenziali: “Con questo tipo di manovra, se non sarà corretta in Parlamento, se non ci saranno manovre aggiuntive e se non ci saranno altre risorse, il rischio che ci sia l’interruzione di alcuni servizi essenziali è una certezza. È una preoccupazione che accomuna tutti i sindaci, anche quelli di città più ricche e anche dal punto di vista della comunità cittadina, in particolare il sindaco di Firenze Dario Nardella che ha ipotizzato uno stop all’illuminazione pubblica”, ha detto.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares