X
<
>

Tempo di lettura < 1 minuto

Dal 3 maggio cinque regioni saranno in zona arancione e solo la Val d’Aosta sarà in rosso. Tutte le altre saranno in giallo. Le nuove ordinanze del ministro della Salute Roberto Speranza, decise sulla base dei dati e delle indicazioni della cabina di regia, andranno in vigore a partire da lunedì.

Sono in area arancione le regioni: Basilicata, Calabria, Puglia, Sicilia e Sardegna (che lascia quindi il rosso). L’esito del monitoraggio ha portato a solo due cambi di colore rispetto alla settimana scorsa: le due regioni che, in base ai dati, sembravano in bilico sono rimaste nelle fasce di rischio dov’erano già: la Campania, pur con un Rt superiore a 1 (ma un rischio basso) rimane in giallo, mentre la Puglia resta in arancione dopo aver sperato nella “promozione” in zona gialla.

Questo quindi il nuovo quadro dell’Italia “a colori” a partire da lunedì 3 maggio:

Zona rossa: Val d’Aosta.

Zona arancione: Basilicata, Calabria, Puglia, Sicilia e Sardegna.

Zona gialla: Abruzzo, Campania, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Molise, PA Bolzano, PA Trento, Piemonte, Toscana, Umbria e Veneto.


La qualità dell'informazione è un bene assoluto, che richiede impegno, dedizione, sacrificio. 
Il Quotidiano del Sud è il prodotto di questo tipo di lavoro corale che ci assorbe ogni giorno con il massimo di passione e di competenza possibili.
Abbiamo un bene prezioso che difendiamo ogni giorno e che ogni giorno voi potete verificare. Questo bene prezioso si chiama libertà. 
Abbiamo una bandiera che non intendiamo ammainare. Questa bandiera è quella di un Mezzogiorno mai supino che reclama i diritti calpestati ma conosce e adempie ai suoi doveri.  
Contiamo su di voi per preservare questa voce libera che vuole essere la bandiera del Mezzogiorno. Che è la bandiera dell’Italia riunita.
ABBONATI AL QUOTIDIANO DEL SUD CLICCANDO QUI.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares