X
<
>

Condividi:

PALERMO – Nessuna vittima è stata finora trovata all’interno delle auto rimaste intrappolate nei sottopassaggi di viale Regione siciliana invasi dall’acqua dopo il violento nubifragio che ieri si è abbattuto sul capoluogo siciliano. E non ci sono denunce di dispersi.

Era stato un testimone a parlare di due morti ed a fare scattare l’allarme (LEGGI).

Dal pomeriggio di ieri e per tutta la notte i vigili del fuoco hanno operato e sono ancora sul posto con le squadre speciali dei sommozzatori e con le idrovore. Per due, tre ore una bomba d’acqua si è abbattuta su Palermo. Un evento eccezionale, con pochi precedenti. Le strade sono state trasformate in fiumi in piena. Scene apocalittiche. Auto trascinate con persone intrappolate che a nuoto si sono messe in salvo. Gente disperata che chiedeva aiuto. Sono stati momenti concitati e di grande preoccupazione.

Adesso si contano i danni.


La qualità dell'informazione è un bene assoluto, che richiede impegno, dedizione, sacrificio. Il Quotidiano del Sud è il prodotto di questo tipo di lavoro corale che ci assorbe ogni giorno con il massimo di passione e di competenza possibili.
Abbiamo un bene prezioso che difendiamo ogni giorno e che ogni giorno voi potete verificare. Questo bene prezioso si chiama libertà. Abbiamo una bandiera che non intendiamo ammainare. Questa bandiera è quella di un Mezzogiorno mai supino che reclama i diritti calpestati ma conosce e adempie ai suoi doveri.  
Contiamo su di voi per preservare questa voce libera che vuole essere la bandiera del Mezzogiorno. Che è la bandiera dell’Italia riunita.
ABBONATI AL QUOTIDIANO DEL SUD CLICCANDO QUI.

Condividi:

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA