X
<
>

Roberto Speranza

Tempo di lettura < 1 minuto

Il Senato ha respinto la mozione di sfiducia nei confronti del ministro della Salute, Roberto Speranza, presentata da Fratelli d’Italia. I voti contrari alla mozione sono stati 221, quelli favorevoli 29. Gli astenuti sono stati tre. 

La chiama dei senatori, su iniziativa del presidente Elisabetta Casellati, è stata effettuata con un nuovo sistema elettronico che rileva in automatico la dichiarazione di voto.

Dopo le divisioni di ieri sul coprifuoco, la maggioranza di governo si ricompatta attorno al “no” alla mozione di sfiducia a Roberto Speranza. Lega e Forza Italia “isolano” Fratelli d’Italia, che, dall’opposizione, ha promosso la mozione individuale contro il ministro della Salute.

Quindi, oggi al Senato, non si è ripetuto quanto successo ieri, alla Camera, dove Lega e FI, dopo aver votato l’ordine del giorno che accoglieva l’intesa di maggioranza sulla revisione del coprifuoco a partire da metà maggio, hanno fatto infuriare gli alleati di governo – Pd, M5s e Leu – non partecipando al voto, anzichè votare contro, sull’odg di FdI che chiedeva di eliminare il coprifuoco.  


La qualità dell'informazione è un bene assoluto, che richiede impegno, dedizione, sacrificio. 
Il Quotidiano del Sud è il prodotto di questo tipo di lavoro corale che ci assorbe ogni giorno con il massimo di passione e di competenza possibili.
Abbiamo un bene prezioso che difendiamo ogni giorno e che ogni giorno voi potete verificare. Questo bene prezioso si chiama libertà. 
Abbiamo una bandiera che non intendiamo ammainare. Questa bandiera è quella di un Mezzogiorno mai supino che reclama i diritti calpestati ma conosce e adempie ai suoi doveri.  
Contiamo su di voi per preservare questa voce libera che vuole essere la bandiera del Mezzogiorno. Che è la bandiera dell’Italia riunita.
ABBONATI AL QUOTIDIANO DEL SUD CLICCANDO QUI.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares