X
<
>

Silvio Berlusconi

Tempo di lettura 2 Minuti

MILANO – Il presidente di Forza Italia nonché ex premier Silvio Berlusconi è guarito dal Covid-19 ed è stato dimesso dall’ospedale San Raffaele di Milano, dove era stato ricoverato lo scorso 3 settembre per le complicazioni legate alla sua positività al Coronavirus (LEGGI).

Ad attenderlo fuori dall’ospedale, oltre a decine di giornalisti, anche diversi supporter che lo hanno salutato con un applauso.

«Posso dire con soddisfazione che anche questa volta me la sono scampata bella. Grazie al cielo e alla professionalità dei medici del San Raffaele, primo fra tutti il professor Alberto Zangrillo e ai suoi collaboratori, ho superato quella che considero la prova più pericolosa della mia vita», ha detto alla stampa Berlusconi.

«Il professor Clementi del San Raffaele – ha spiegato inoltre Berlusconi – ha studiato il mio tampone ed è rimasto sorpreso dall’entità della carica virale, la più alta delle decine di migliaia osservate al San Raffaele. Fortunatamente quando me lo hanno comunicato ero già nella fase di recupero da una polmonite bilaterale che mi rendeva tra i soggetti più a rischio».

«Prima di ammalarmi avevo lanciato il mio appello a non sottovalutare il pericolo e a mantenere alta la soglia d’attenzione, rispettando rigorosamente le regole e le prescrizioni sanitarie – ha sottolineato il leader di Forza Italia -. Questo è un dovere verso noi stessi, ma anche verso la collettività. Ho provato in prima persona che fino a quando la circolazione di questo virus non sarà debellata, ognuno è esposto al rischio di essere contagiato e di contagiare gli altri. Questo è tanto più grave per le persone fragili per età e condizioni di salute. Per questo rinnovo a tutti l’appello alla massima responsabilità personale e sociale».


La qualità dell'informazione è un bene assoluto, che richiede impegno, dedizione, sacrificio. 
Il Quotidiano del Sud è il prodotto di questo tipo di lavoro corale che ci assorbe ogni giorno con il massimo di passione e di competenza possibili.
Abbiamo un bene prezioso che difendiamo ogni giorno e che ogni giorno voi potete verificare. Questo bene prezioso si chiama libertà. 
Abbiamo una bandiera che non intendiamo ammainare. Questa bandiera è quella di un Mezzogiorno mai supino che reclama i diritti calpestati ma conosce e adempie ai suoi doveri.  
Contiamo su di voi per preservare questa voce libera che vuole essere la bandiera del Mezzogiorno. Che è la bandiera dell’Italia riunita.
ABBONATI AL QUOTIDIANO DEL SUD CLICCANDO QUI.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA