X
<
>

La sede del ministero della Salute

Tempo di lettura 2 Minuti

ROMA – È minore rispetto a ieri l’aumento di nuovi casi di coronavirus scoperti in Italia ma malgrado ciò ossi si segnalano tre record negativi: è stata superata la soglia del milione di persone contagiate dall’inizio della pandemia, è stato superato il tetto massimo di persone ricoverate in ospedale della prima ondata e le terapie intensive hanno superato quota 3mila..

Secondo il bollettino nazionale, infatti, sono 32.961 i nuovi contagiati contro i più di 35 mila di ieri e questo a fronte di un aumento di tamponi: 225 mila in soli 24 ore. Con l’incremento odierno l’Italia supera il milione di casi di coronavirus dall’inizio della pandemia con un totale di 1.028.424 contagi registrati.

Purtroppo però si registra una nuova impennata dei decessi: ben 623 che portano il totale delle vittime a 42.953 da inizio emergenza.

I dimessi/guariti oggi sono 9.090 per un totale di 372.113.

Le persone attualmente positive nel Paese ad oggi sono 613.358 con un incremento di 23.248 casi rispetto a ieri, di questi in isolamento domiciliare si trovano in 580.533 (+22.027).

Sono oltre 29 mila i ricoverati con sintomi per Covid in Italia, secondo i dati del ministero della Salute. Con l’incremento nelle ultime 24 ore di 811 il totale dei pazienti nei reparti ordinari è salito a 29.444. È stato così superato il tetto massimo raggiunto il 4 aprile scorso con 29.010 ricoverati.

Mentre sono 3.081 (+110) le persone che si trovano nelle terapie intensive.

La regione con il maggiore incremento di casi positivi anche oggi è la Lombardia (8.180), seguita da Campania (3.166) e Veneto (3.082).


La qualità dell'informazione è un bene assoluto, che richiede impegno, dedizione, sacrificio. 
Il Quotidiano del Sud è il prodotto di questo tipo di lavoro corale che ci assorbe ogni giorno con il massimo di passione e di competenza possibili.
Abbiamo un bene prezioso che difendiamo ogni giorno e che ogni giorno voi potete verificare. Questo bene prezioso si chiama libertà. 
Abbiamo una bandiera che non intendiamo ammainare. Questa bandiera è quella di un Mezzogiorno mai supino che reclama i diritti calpestati ma conosce e adempie ai suoi doveri.  
Contiamo su di voi per preservare questa voce libera che vuole essere la bandiera del Mezzogiorno. Che è la bandiera dell’Italia riunita.
ABBONATI AL QUOTIDIANO DEL SUD CLICCANDO QUI.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares