X
<
>

Condividi:

ROMA – Sono 16.337 i nuovi casi di Coronavirus in Italia, 4.311 in meno rispetto a quelli fatti registrare ieri, quando furono 20.648. Un netto miglioramento da ascrivere però soprattutto alla sensibile diminuzione di tamponi effettuati nelle ultime 24 ore (130.524 contro 176.934 di ieri).

Ancora altissimo, invece, il numero delle vittime, che nelle ultime 24 ore sono 672, per un totale da inizio pandemia di 55.576.

È quanto emerge dal quotidiano bollettino sull’andamento dell’emergenza Coronavirus, emesso dal Ministero della Salute e dall’Istituto Superiore della Sanità.

Attualmente i positivi scendono a 788.471 (17.300 meno di ieri, quando erano 795.771), 751.540 dei quali in isolamento domiciliare. Mentre ammontano a 24.214 i guariti dal coronavirus nelle ultime 24 ore in Italia. Sono oltre 11mila in meno di ieri, quando ne erano stati registrati 35.647 ma comunque in numero maggiore rispetto ai nuovi contagi consentendo in tal modo una riduzione degli attualmente contagiati. Il dato complessivo è di 720.861 dimessi e guariti dallo scorso febbraio.

I ricoverati in ospedale sono 33.187 (308 in più rispetto a 24 ore fa), mentre 3.744 sono in terapia intensiva, con 9 posti occupati in meno rispetto a ieri.

Cala rispetto a ieri l’indice di positività del coronavirus in Italia, cioè il rapporto fra i nuovi casi e i tamponi effettuati. Oggi è dell’11,65% contro il 12,72% registrato ieri.

A livello regionale, non è più la Lombardia la zona d’Italia più colpita (1.929 casi), ma l’Emilia Romagna con 2.041 nuovi casi, seguita dal Veneto con 2.003.

La Lombardia è però la regione con il maggior numero di positivi (125.408), seguita dalla Campania (104.527) e dal Lazio (90.201). 7.433 i ricoverati in Lombardia, seguita da Piemonte 4.737 e Lazio 3.384, che sono anche le tre regioni che hanno il maggior numero di posti in terapia intensiva occupati.

Le regioni che vanno meglio sono la Valle D’Aosta, con solo 47 nuovi casi e il Molise con solo 62 ricoverati.


La qualità dell'informazione è un bene assoluto, che richiede impegno, dedizione, sacrificio. Il Quotidiano del Sud è il prodotto di questo tipo di lavoro corale che ci assorbe ogni giorno con il massimo di passione e di competenza possibili.
Abbiamo un bene prezioso che difendiamo ogni giorno e che ogni giorno voi potete verificare. Questo bene prezioso si chiama libertà. Abbiamo una bandiera che non intendiamo ammainare. Questa bandiera è quella di un Mezzogiorno mai supino che reclama i diritti calpestati ma conosce e adempie ai suoi doveri.  
Contiamo su di voi per preservare questa voce libera che vuole essere la bandiera del Mezzogiorno. Che è la bandiera dell’Italia riunita.
ABBONATI AL QUOTIDIANO DEL SUD CLICCANDO QUI.

Condividi:

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA