X
<
>

La manifestazione di Roma

Condividi:

Circa cinquemila persone stanno manifestando a Roma, in piazza San Giovanni, nell’ambito delle iniziative promosse dai no vax anche a Milano e Torino. Molte delle persone presenti non indossa la mascherina, mentre è imponente il presidio delle forze dell’ordine.

Sono almeno cinquemila le persone in piazza San Giovanni in Laterano, oggi pomeriggio, per manifestare “per la libertà e la verità” contro la dittatura sanitaria. Uomini, donne, ma anche bambini, quasi tutti senza mascherine, accalcati fin oltre l’incrocio per via Carlo Felice, chiuso per sicurezza al traffico come le vie limitrofe.

“E’ già finita. Qui è la maggioranza del Paese, in pace” urla qualcuno dal palco inavvicinabile tanta la folla, a dispetto delle norme contro la diffusione del contagio. Nessuna bandiera di partito ma solo tricolori e un timido inizio di inno nazionale per la manifestazione disertata dai maggiori esponenti del movimento no-vax eppure presa d’assalto da tanti cittadini comuni arrivati da più parti d’Italia.

“Nessun virus è più pericoloso della paura” si legge in un cartello, “meglio morire liberi che vivere senza libertà” è scritto in un altro.

Un corteo autonomo è partito nel mezzo di piazza San Giovanni, a Roma, nel corso della manifestazione No-Vax e no Green pass. “Nessun permesso per circolare, nessun ricatto per lavorare”, è lo striscione rosso portato avanti dai manifestanti. Dal palco gli organizzatori chiedono di fermare il corteo autonomo. “Non è previsto alcun corteo, non facciamoci strumentalizzare”, affermano. 

Tra i presenti c’è anche l’attore Enrico Montesano sul palco di piazza San Giovanni. “La gente come noi non molla mai”, è il coro con cui è stato accolto l’artista, noto per le sue posizioni contro i vaccini.


La qualità dell'informazione è un bene assoluto, che richiede impegno, dedizione, sacrificio. Il Quotidiano del Sud è il prodotto di questo tipo di lavoro corale che ci assorbe ogni giorno con il massimo di passione e di competenza possibili.
Abbiamo un bene prezioso che difendiamo ogni giorno e che ogni giorno voi potete verificare. Questo bene prezioso si chiama libertà. Abbiamo una bandiera che non intendiamo ammainare. Questa bandiera è quella di un Mezzogiorno mai supino che reclama i diritti calpestati ma conosce e adempie ai suoi doveri.  
Contiamo su di voi per preservare questa voce libera che vuole essere la bandiera del Mezzogiorno. Che è la bandiera dell’Italia riunita.
ABBONATI AL QUOTIDIANO DEL SUD CLICCANDO QUI.

Condividi:

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA