X

Tempo di lettura 4 Minuti

Fa ancora discutere la “gaffe” della compagnia aerea EasyJet che nelle scorse ore ha pubblicato sul proprio sito internet un contenuto dal presunto fine promozionale in cui definiva la Calabria una regione che «soffre di un’evidente assenza di turisti a causa della sua storia di attività mafiosa e di terremoti» (LEGGI LA NOTIZIA). Il messaggio è stato rimosso nella mattinata di oggi e neppure le scuse pubbliche hanno messo al riparo la compagnia aerea dalle accuse della politica italiana.

Una levata di scudi più che mai trasversale. «EasyJet chieda scusa, alla Calabria e all’Italia. Non c’è altro da aggiungere». Così in un tweet il ministro per il Sud, Giuseppe Provenzano. «Offese inaccettabili contro la Calabria e l’Italia quelle contenute sul sito di EasyJet – scrive su Facebook il presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni – Alla compagnia, che ha annunciato la rimozione della vergognosa scheda, chiediamo le scuse nei confronti dell’Italia intera». Per Matteo Salvini «è incredibile e inaccettabile che sul sito di una compagnia aerea come EasyJet sia apparsa una descrizione infamante della Calabria. I calabresi e tutti gli italiani meritano rispetto assoluto: pretendiamo chiarimenti e scuse immediate!».

«La pseudo operazione di marketing sulla Calabria realizzata da EasyJet – commenta la presidente di Regione Jole Santelli – è offensiva, miope e ha un chiaro sapore razzista. Si potevano usare tante parole per descrivere la meraviglia e la straordinarietà di una regione unica al mondo, ma la compagnia inglese ha scelto le più becere e le più consunte, realizzando una pubblicità ingannevole che non è altro che una sommatoria di inqualificabili pregiudizi. Per questo ho immediatamente scritto una lettera di protesta alla compagnia. I calabresi meritano rispetto e una miglior considerazione da parte di tutti. Prendiamo comunque atto delle scuse pubbliche di EasyJet, che ha già provveduto a modificare il testo. A pensarci bene – conclude la governatrice – il modo migliore per rimediare a una gaffe senza precedenti sarebbe quello di incrementare in modo considerevole i voli per la Calabria, in modo da permettere alle migliaia e migliaia di passeggeri di EasyJet di scoprire le infinite meraviglie della nostra terra. Non abbiamo Roma e non abbiamo Venezia, certo, ma non ci lamentiamo affatto. La Calabria è una meraviglia che merita solo di essere ammirata».

Per l’europarlamentare del Pd Pina Picierno “la Calabria, culla di civiltà per secoli, offre paesaggi mozzafiato ed è ricca di storia e cultura. Se i turisti sono stati scoraggiati dal venire in questa terra non è certo perché mancano città come Roma ma semmai per le poche infrastrutture che hanno reso difficili i collegamenti. Chi si è occupato della “promozione” di questo sito di sicuro non l’ha mai visitata e non ha mai potuto apprezzare l’accoglienza dei calabresi e le bellezze paesaggistiche di questa terra. È incredibile come una compagnia aerea così importante abbia affidato la sua comunicazione a persone con così tanti pregiudizi e luoghi comuni. Vergogna».

«La descrizione fatta da EasyJet della Calabria era una vergogna assoluta, bene ha fatto la compagnia aerea a chiedere immediatamente scusa, rimuovere lo scritto e avviare una indagine interna – dichiara il commissario del Partito Democratico della Calabria Stefano Graziano – Da campano che ha imparato ad amare le bellezze di questa terra consiglio a turisti italiani e esteri di non cadere nei facili stereotipi e di visitarla. La Calabria è terra di storie, eccellenze e un mare bellissimo».

«La descrizione della Calabria da parte di EasyJet – scrive l’europarlamentare calabrese del M5S Laura Ferrara – è vergognosa. Offende la mia terra e la mia gente, crea un danno d’immagine e scoraggia evidentemente i turisti a visitare la nostra terra, che è e deve essere nota per il suo ricco e meraviglioso patrimonio paesaggistico ed enogastronomico, per le sue antiche tradizioni e per l’accoglienza ineguagliabile che i cittadini calabresi riservano ai turisti e agli ospiti tutti».

La parlamentare calabrese di Fdi Wanda Ferro arriva a chiedere la sospensione del rapporto tra la Regione e la compagnia aerea: «La descrizione della Calabria pubblicata sul sito della compagnia britannica è talmente distante dalla realtà e offensiva da non potere essere semplicemente frutto della superficialità, dell’ignoranza o degli incubi di chi ha redatto il testo. Il danno all’immagine della Calabria da parte di EasyJet è evidente, e rischia di avere ingiuste ripercussioni sulle attività turistiche. Per questo andrebbe sospeso immediatamente ogni eventuale rapporto della Regione con la compagnia aerea e andrebbero valutate possibili azioni risarcitorie».

Intanto il Codacons annuncia di aver depositato una denuncia nei confronti di EasyJet ipotizzando il reato di diffamazione e di aver chiesto all’Antitrust di provvedere all’immediato sequestro del sito web della compagnia aerea britannica.

  •  
  • 2
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares