X
<
>

Condividi:

C’ERA una volta la vergogna, sentimento diverso dal pudore che di per sé prevede una mediazione culturale. La vergogna no, è ancestrale. Tant’è che imporpora le guance anche quando non vorresti, la vergogna è schietta come reazione immediata a qualcosa che ha effetti pubblici, riverberi sociali. Nonostante questo, ci si può vergognare anche in privato ripensando a qualcosa che ci ha messo in difficoltà davanti ad altri, o di fronte a un’azione tanto più grande di noi.

La nostra è un’epoca senza vergogna e quello che una volta era oggetto di tale sentimento oggi non ha più senso. Vediamo per esempio come, nonostante la mascherina ci tolga parte della nostra anima e personalità, il resto del corpo lo esibiamo con spavalderia, basta fare un giro sulle spiagge. O anche un giro sulla tv dove non esistono limiti alla promozione di pannolini, assorbenti e lubrificanti. Cose che fatichi anche a chiedere, a tono basso, al banco del farmacista e che la pubblicità invece si diverte a far diventare un gioco di società. In tempi non così lontani il senso del privato, del corpo, persino dei pensieri era sacro e quella sacralità dettava anche i termini del buon gusto e dell’educazione. Insomma funzionavano bene i limiti che ognuno sapeva imporsi, limiti della libertà di azione ed espressione che si taravano sul rispetto dell’altro.

E la vergogna era un calmiere di velleità e spavalderie, mia madre non avrebbe mai mangiato al ristorante in costume e mio padre avrebbe preteso di indossare camicia e pantaloni, ma il tempo passa e bisogna accettare che i costumi cambino, che il topless sia sdoganato, che i tatuaggi non siano solo per ex galeotti, che dire “ciclo mestruale “ in pubblico non faccia più gridare allo scandalo.

Ma il senso della vergogna è anche tema vasto che vela e copre questioni più delicate di un tanga brasiliano. Prendiamo il caso della torta di compleanno per un bambino fatta preparare con pistole e proiettili, pistola di cioccolato sì, ma ordinata da una famiglia non in odore di santità. Quella stessa che, in altri tempi, avrebbe trovato nella vergogna la giusta copertura.


La qualità dell'informazione è un bene assoluto, che richiede impegno, dedizione, sacrificio. Il Quotidiano del Sud è il prodotto di questo tipo di lavoro corale che ci assorbe ogni giorno con il massimo di passione e di competenza possibili.
Abbiamo un bene prezioso che difendiamo ogni giorno e che ogni giorno voi potete verificare. Questo bene prezioso si chiama libertà. Abbiamo una bandiera che non intendiamo ammainare. Questa bandiera è quella di un Mezzogiorno mai supino che reclama i diritti calpestati ma conosce e adempie ai suoi doveri.  
Contiamo su di voi per preservare questa voce libera che vuole essere la bandiera del Mezzogiorno. Che è la bandiera dell’Italia riunita.
ABBONATI AL QUOTIDIANO DEL SUD CLICCANDO QUI.

Condividi:

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA