X
<
>

Il presidente del Consiglio Mario Draghi

Tempo di lettura < 1 minuto

ROMA – «Molti si chiedono se questo Piano sia in continuità o meno con il precedente: è certamente in continuità in alcune aree dove la discontinuità non aveva nessun motivo di esserci, ed è in forte discontinuità in altre aree».

Così, secondo quanto si apprende, il premier Mario Draghi, durante l’incontro con Regioni, Anci e Upi sul Recovery Plan.

«Le sfide che abbiamo davanti si vincono solo insieme, voi siete le nostre antenne sul territorio, quelli più vicini ai cittadini», ha aggiunto Draghi.

«Il rapporto tra Governo e Regioni deve essere di collaborazione altrimenti queste sfide non si vincono», ha proseguito il premier, che in riferimento al Pnrr ha sottolineato come si tratti di «un pacchetto di investimenti molto ambizioso e un pacchetto di riforme» che va a coprire gli anni tra il 2021 e il 2026.

«Un’opportunità che dobbiamo cogliere», in particolare quella della transizione ecologica e digitale.

«Dobbiamo essere consapevoli della portata storica di questo piano, è un’occasione unica» per migliorare le scuole e modernizzare la burocrazia. «È importantissimo spendere e spender bene».

In collaborazione con Italpress


La qualità dell'informazione è un bene assoluto, che richiede impegno, dedizione, sacrificio. 
Il Quotidiano del Sud è il prodotto di questo tipo di lavoro corale che ci assorbe ogni giorno con il massimo di passione e di competenza possibili.
Abbiamo un bene prezioso che difendiamo ogni giorno e che ogni giorno voi potete verificare. Questo bene prezioso si chiama libertà. 
Abbiamo una bandiera che non intendiamo ammainare. Questa bandiera è quella di un Mezzogiorno mai supino che reclama i diritti calpestati ma conosce e adempie ai suoi doveri.  
Contiamo su di voi per preservare questa voce libera che vuole essere la bandiera del Mezzogiorno. Che è la bandiera dell’Italia riunita.
ABBONATI AL QUOTIDIANO DEL SUD CLICCANDO QUI.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares