X
<
>

Andrea Casu

Condividi:

ROMA – L’ex segretario del Partito Democratico di Roma Andrea Casu è in vantaggio nelle elezioni suppletive nel collegio uninominale di Roma Primavalle, una delle circoscrizioni che copre l’area Nord della capitale. Casu era stato scelto dal segretario Enrico Letta insieme al partito romano per riconquistare il collegio. E proprio Letta era impegnato in un’altra elezione suppletiva nel collegio di Siena dove è stato eletto.

Quando le sezioni scrutinate sono 76 su 219 l’esponente del centrosinistra è al 44% contro il 36% del suo avversario Calzetta di centrodestra. Nel collegio era candidato anche l’ex magistrato Luca Palamara che ha conquistato il 6% dei voti.

Il seggio era rimasto vacante dopo le dimissioni dell’ex parlamentare del Movimento 5 Stelle Emanuela Del Re, già viceministro per gli affari esteri e la cooperazione internazionale nei governi Conte I e Conte II, diventata rappresentante speciale dell’Unione europea per il Sahel. Molto discussa la decisione del Movimento 5 Stelle di non presentarsi nel collegio dove aveva vinto nel 2018. Per le elezioni suppletive si sono recati ai seggi il 44% degli aventi diritto, ovvero 89.748 cittadini su 203.231.

Secondo classificato il candidato del centrodestra Pasquale Calzetta con il 36%. Solo il 6% ha raccolto l’ex presidente del Csm Luca Palamara che alla sua prima esperienza politica dove le vicende giudiziarie che lo hanno coinvolto, ha dichiarato: “È solo l’inizio di un percorso il mio impegno continua”. Altri tre i candidati in lista due di area centrodestra Giampaolo Bocci per Italexit (4%) e Giovanni Antonio Cocco per Rinascimento e Partito Liberale Europeo (2,25%), e poi Danilo Ballanti del Partito Comunista che ha ottenuto più del 6%.


La qualità dell'informazione è un bene assoluto, che richiede impegno, dedizione, sacrificio. Il Quotidiano del Sud è il prodotto di questo tipo di lavoro corale che ci assorbe ogni giorno con il massimo di passione e di competenza possibili.
Abbiamo un bene prezioso che difendiamo ogni giorno e che ogni giorno voi potete verificare. Questo bene prezioso si chiama libertà. Abbiamo una bandiera che non intendiamo ammainare. Questa bandiera è quella di un Mezzogiorno mai supino che reclama i diritti calpestati ma conosce e adempie ai suoi doveri.  
Contiamo su di voi per preservare questa voce libera che vuole essere la bandiera del Mezzogiorno. Che è la bandiera dell’Italia riunita.
ABBONATI AL QUOTIDIANO DEL SUD CLICCANDO QUI.

Condividi:

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA