X
<
>

Pietro Lunardi, ex ministro delle Infrastrutture, insieme a Berlusconi da Vespa a parlare del Ponte sullo Stretto nel 2002

Tempo di lettura < 1 minuto

BOLOGNA – «Spero proprio di sì», di vedere realizzato il ponte sullo Stretto di Messina, ma «sarà comunque troppo tardi. Stiamo gettando un mucchio di soldi, continuando a perdere tempo. È tutta colpa delle carenze culturali degli ultimi governi. Personalmente, ho fiducia in Draghi, che stimo molto, anche per il suo pragmatismo».

Lo dice Pietro Lunardi, ex ministro delle Infrastrutture, intervistato dal direttore della “Gazzetta di Parma”, Claudio Rinaldi.

«Abbiamo perso anche troppo tempo, è ora di partire», sottolinea Lunardi, per il quale l’opera riveste un’importanza strategica per la «continuità territoriale» tra Calabria e Sicilia e sarebbe una occasione di rilancio per il Sud.

Lunardi ripercorre la storia dell’opera, dai progetti ai cantieri aperti e poi chiusi. Ricorda quando nel 2006 Romano Prodi bloccò tutto, «chiuse immediatamente il cantiere. Fu una scelta scellerata, che ancora oggi mi stupisce».

Poi altri semafori verdi e nuovi “stop and go”. Per Lunardi col progetto esistente occorrerebbero «quattro, cinque» anni «al massimo» per finire i lavori, per un costo di «sei miliardi e mezzo», meno dell’investimento «per la linea dell’Alta velocità Napoli-Bari» o per «la Salerno-Reggio Calabria».

«Eurolink – il consorzio guidato da Salini che vinse la gara internazionale d’appalto – è pronto a costruire il ponte a proprie spese, in cambio della concessione».

«Mi sembra una proposta ragionevole e interessante. E spero che Draghi, da buon pragmatico, non se la faccia scappare».


La qualità dell'informazione è un bene assoluto, che richiede impegno, dedizione, sacrificio. Il Quotidiano del Sud è il prodotto di questo tipo di lavoro corale che ci assorbe ogni giorno con il massimo di passione e di competenza possibili.
Abbiamo un bene prezioso che difendiamo ogni giorno e che ogni giorno voi potete verificare. Questo bene prezioso si chiama libertà. Abbiamo una bandiera che non intendiamo ammainare. Questa bandiera è quella di un Mezzogiorno mai supino che reclama i diritti calpestati ma conosce e adempie ai suoi doveri.  
Contiamo su di voi per preservare questa voce libera che vuole essere la bandiera del Mezzogiorno. Che è la bandiera dell’Italia riunita.
ABBONATI AL QUOTIDIANO DEL SUD CLICCANDO QUI.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA