X
<
>

Il sindaco di Milano Beppe Sala

Tempo di lettura < 1 minuto

MILANO – «La terza ondata pandemica è arrivata spinta dalla variante inglese. Era prevista ed è successo. Esiste una chiara prevedibilità nei trend di contagio e alcuni nostri comportamenti l’hanno favorita: gli assembramenti fuori allo Stadio di San Siro e i Navigli, diventati set ideale per catturare un’immagine di gente assembrata».

A dirlo è il sindaco di Milano, Beppe Sala, in un video pubblicato sulla sua pagina Facebook.

«A volte – ha proseguito – il rispetto delle regole manca davvero. Ieri sera ho girato per la città e visto troppi, troppi gruppetti di persone a chiacchierare con la mascherina abbassata. I gruppi sono talmente tanti che diventano incontrollabili per le forze dell’ordine, ma da oggi rafforzeremo i controlli. Ne ho parlato con il questore e ho chiesto un intervento deciso per il weekend».

In ogni caso «da lunedì siamo in zona arancione. Più abbassiamo la guardia, più paghiamo pegno. Tenete un comportamento corretto e adeguato al difficile momento», ha concluso.

In collaborazione con Italpress


La qualità dell'informazione è un bene assoluto, che richiede impegno, dedizione, sacrificio. 
Il Quotidiano del Sud è il prodotto di questo tipo di lavoro corale che ci assorbe ogni giorno con il massimo di passione e di competenza possibili.
Abbiamo un bene prezioso che difendiamo ogni giorno e che ogni giorno voi potete verificare. Questo bene prezioso si chiama libertà. 
Abbiamo una bandiera che non intendiamo ammainare. Questa bandiera è quella di un Mezzogiorno mai supino che reclama i diritti calpestati ma conosce e adempie ai suoi doveri.  
Contiamo su di voi per preservare questa voce libera che vuole essere la bandiera del Mezzogiorno. Che è la bandiera dell’Italia riunita.
ABBONATI AL QUOTIDIANO DEL SUD CLICCANDO QUI.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares