X
<
>

Arisa e Andrea Di Carlo

Tempo di lettura 2 Minuti

LA RELAZIONE di Arisa con il manager Andrea Di Carlo è una telenovela senza fine. Ora pare che i due si siano di nuovo lasciati dopo una burrascosa lite e il matrimonio previsto per il prossimo 2 settembre sia saltato un’altra volta.

Che la cantante lucana da artista, sia un po’ sopra le righe, lo sapevamo ma le sue esternazioni se da una parte sollazzano il pubblico, dall’altra fanno soffrire chi le sta vicino.

Insomma, tutta la solidarietà a Di Carlo. Nel marzo scorso in una lunga intervista a Domenica In la cantante aveva dichiarato di essere fidanzata senza mai fare il nome di Di Carlo. E lui umiliato, l’aveva lasciata.

Arisa si era quindi sfogata sui social dicendo che lui: «Non può essere l’antipasto primo e secondo, non può essere tutta la cena, ma il dessert». Il fidanzato equiparato a budino ha scatenato le polemiche e certo ha ferito (di nuovo) Andrea.

Un mese dopo i due non si sa come, si rimettono insieme, ma ecco che ora Arisa in un’intervista a IODonna parla a ruota libera del compagno, entrando in aspetti privati del passato di lui. Di Di Carlo che ha un’ex moglie e tre figli, lei dice: «Aveva avuto un fidanzato per molto tempo, ma la cosa non mi ha fatto paura. (…) dubbi li avevano gli stessi amici per i quali avevo manifestato in piazza per i diritti Lgbt. Mi hanno detto che, tanto, Andrea era gay, che mi avrebbe tirata scema. Invece no, lui è una persona molto libera e l’amore, quando arriva, lo senti e ti leva tutte le paure».

I due ora hanno litigato di brutto e la storia pare sia la capolinea. Far soffrire vuol dire amare?


La qualità dell'informazione è un bene assoluto, che richiede impegno, dedizione, sacrificio. 
Il Quotidiano del Sud è il prodotto di questo tipo di lavoro corale che ci assorbe ogni giorno con il massimo di passione e di competenza possibili.
Abbiamo un bene prezioso che difendiamo ogni giorno e che ogni giorno voi potete verificare. Questo bene prezioso si chiama libertà. 
Abbiamo una bandiera che non intendiamo ammainare. Questa bandiera è quella di un Mezzogiorno mai supino che reclama i diritti calpestati ma conosce e adempie ai suoi doveri.  
Contiamo su di voi per preservare questa voce libera che vuole essere la bandiera del Mezzogiorno. Che è la bandiera dell’Italia riunita.
ABBONATI AL QUOTIDIANO DEL SUD CLICCANDO QUI.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares