X
<
>

Tempo di lettura 3 Minuti

Cosa prevede l’avviso e come partecipare alla selezione

La Regione Calabria ha pubblicato l’avviso per la selezione e concessione di aiuti a imprese interessate dagli effetti negativi della crisi economica generata dalle misure di contenimento conseguenti all’emergenza epidemiologica. L’intervento, in particolare, intende sostenere le microimprese e le pmi operanti sul territorio regionale che hanno subito gli effetti della pandemia attraverso la concessione di un aiuto sotto forma di contributo a fondo perduto una tantum sulla base di una procedura automatica.

I soggetti beneficiari

Possono presentare domanda di partecipazione le microimprese e pmi, che abbiano le seguenti caratteristiche:
1) sede legale e operativa in Calabria e codice ateco 93.29.10 (discoteche), oppure codice ateco 59.14.00 (cinema) o codice ateco 90.04.00, codice ateco 90.01.01, codice ateco (gestione di teatri e attività connesse di cui ai codici identificati specificatamente) riferito all’attività prevalente (attività indicata con codice ateco primario su Infocamere, ad eccezione dell’attività di discoteca esercitata in una unità locale separata rispetto ad altra attività, il cui codice ateco può risultare da Infocamere anche come secondario);
2) attività economiche ubicate all’interno di edifici e a servizio delle scuole secondarie di secondo grado della Regione Calabria;
3) attività economiche ubicate e operanti nell’ambito delle stazioni aeroportuali calabresi.

Dotazione finanziaria e contributi

I fondi a disposizione ammontano complessivamente a 1.651.447,37 euro.
L’aiuto è concesso nella forma di contributo a fondo perduto una tantum. L’intensità dell’aiuto per ciascuna impresa richiedente è pari a:
a) 10 mila euro per le discoteche, i cinema e i teatri;
b) 5 mila euro per le attività economiche ubicate all’interno di edifici e a servizio delle scuole secondarie di secondo grado della Regione Calabria;
c) 5 mila euro per le attività economiche ubicate e operanti nell’ambito delle stazioni aeroportuali calabresi.
L’aiuto concedibile non eccede comunque il fabbisogno di liquidità determinatosi per effetto dell’emergenza sanitaria, sulla base della dichiarazione resa dal legale rappresentante dell’impresa beneficiaria, pari a un calo del fatturato medio mensile per l’anno 2020 che sia uguale o superiore al 33% del fatturato medio mensile dell’esercizio 2019.
Tutti i richiedenti possono presentare una sola domanda di contributo.

I requisiti di ammissibilità

I soggetti richiedenti devono possedere i seguenti requisiti di ammissibilità:
1) avere sede operativa o unità produttiva nel territorio regionale;
2) possedere la capacità di contrattare con la pubblica amministrazione;
3) essere iscritti alla Camera di commercio territorialmente competente e non aver commesso violazioni gravi relativamente al pagamento delle imposte o dei contributi previdenziali;
4) non avere riportato condanne penali e non trovarsi in una delle condizioni di difficoltà previste dalla legge.

Presentazione delle istanze e scadenza

La richiesta di contributo, compilata secondo il modulo allegato all’avviso e disponibile sul sito Calabria Europa, dovrà essere inviata utilizzando tassativamente la piattaforma informatica resa disponibile dal soggetto gestore. Lo sportello per l’inserimento delle domande aprirà il giorno 8 febbraio 2021 alle ore 10 e chiuderà il giorno 11 febbraio 2021 alle ore 18. Le domande dovranno essere compilate secondo le linee guida pubblicate sul portale istituzionale. Il modulo, compilato in ciascuna delle parti, deve essere firmato digitalmente dal legale rappresentante del soggetto richiedente.

Valutazione ed erogazione

Gli aiuti saranno concessi in base all’ordine cronologico di ricevimento delle domande. L’iter valutativo si concluderà a seguito della verifica della ricevibilità e ammissibilità delle istanze ricevute. L’erogazione del contributo avverrà poi in unica soluzione mediante accredito su conto corrente bancario o postale intestato al richiedente, con esclusione di Iban collegati a carte di credito o debito, libretti postali o sistemi elettronici di pagamento. Le richieste saranno finanziate fino a esaurimento delle risorse disponibili.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares