X
<
>

Sandra Milo

Tempo di lettura 2 Minuti

SANDRA Milo e lo scherzo telefonico sul figlio Ciro De Lollis ha fatto la storia della tv. Un momento cult che ancora oggi è tra i più visti sui social e non solo. Correva l’anno 1990 quando Sandro Milo è vittima di un terribile scherzo durante il programma “L’amore è una cosa meravigliosa” trasmesso su Rai3. La conduttrice e attrice è in diretta quando riceve una telefonata sospetta da parte di una donna che l’avvisa di una tragedia: il figlio Ciro De Lollis, ha fatto un incidente ed è ricoverato in ospedale. “Che ci fai lì? Tuo figlio ha avuto un incidente ed è ricoverato in ospedale. È gravissimo” dice la voce di una donna alla Signora Milo che, visibilmente sconvolta, scoppia a piangere e abbandono lo studio urlando il nome di “Ciro Ciro Ciro”.

La donna, per partecipare alla diretta della programma, aveva chiamato al centralino presentandosi con il nome di Maria Ramondio. Un nome falso, ma le forze dell’Ordine riuscirono a risalire al telefono da cui era partita la chiamata. Si trattava degli uffici Alemagna di Via del Corso a Roma.

Uno scherzo terribile quello subito da Sandra Milo he ancora oggi è negli annali della storia della televisione. Proprio la Milo, ospite del programma radiofonico “I Lunatici” ha raccontato di aver scoperto chi è stato l’artefice di quello scherzo: “Fu scoperto che a fare quella telefonata era una donna che lavorava in via del Corso. La telefonata arrivò da un ufficio dove lavoravano ventisei donne. Tutte negarono”.

La Milo ha poi aggiunto: “Ho pensato che quello scherzo fu fatto da una donna che viveva all’oscuro, che mai è riuscita ad affacciarsi alle luci della ribalta e per una volta ha pensato di sentirsi potente, di scombinare l’ordine delle cose. Non sono mai riuscita ad odiarla, ho cercato di capire la sua voglia di essere protagonista per una volta…”.


La qualità dell'informazione è un bene assoluto, che richiede impegno, dedizione, sacrificio. Il Quotidiano del Sud è il prodotto di questo tipo di lavoro corale che ci assorbe ogni giorno con il massimo di passione e di competenza possibili.
Abbiamo un bene prezioso che difendiamo ogni giorno e che ogni giorno voi potete verificare. Questo bene prezioso si chiama libertà. Abbiamo una bandiera che non intendiamo ammainare. Questa bandiera è quella di un Mezzogiorno mai supino che reclama i diritti calpestati ma conosce e adempie ai suoi doveri.  
Contiamo su di voi per preservare questa voce libera che vuole essere la bandiera del Mezzogiorno. Che è la bandiera dell’Italia riunita.
ABBONATI AL QUOTIDIANO DEL SUD CLICCANDO QUI.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA