X
<
>

La Ferrari

Condividi:

ROMA – Il Mondiale di Formula 1 si chiuderà il 13 dicembre, sul circuito di Yas Marina, con il Gran Premio di Abu Dhabi. Fia e Formula 1, infatti, hanno annunciato gli ultimi quattro Gran Premi, con un calendario che adesso propone un totale di 17 gare.

Dopo la terza gara italiana, il 1° novembre a Imola, con il GP Emilia Romagna, nel weekend del 13 e 15 novembre si tornerà dopo nove anni di assenza in Turchia, all’Intercity Istanbul Park.

Il Circus iridato si sposterà quindi a Sakhir per un doppio appuntamento, dove il 29 novembre si disputerà il Gran Premio del Bahrain e la domenica successiva quello di Sakhir.

Il finale di questa stagione, che ha dovuto convivere con il lockdown per la pandemia di Covid-19, nel fine settimana dell’11-13 dicembre con il Grand Prix di Abu Dhabi a Yas Marina.

«Vogliamo esprimere i nostri ringraziamenti per il duro lavoro di tutti i nostri promotori e partner nel rendere possibile questa stagione di 17 gare. Purtroppo, non correremo in Cina in questa stagione e vogliamo ringraziare il nostro partner Juss Sports per il loro supporto e impegno negli ultimi mesi e non vediamo l’ora di tornare a Shanghai il prossimo anno» si legge nella nota diffusa dalla Fia.

«Possiamo confermare che un certo numero di gare nella stagione 2020 sarà aperto a un numero limitato di tifosi, inclusa l’ospitalità, e stiamo lavorando con ogni promotore per finalizzare i dettagli. Sebbene desideriamo vedere il maggior numero di tifosi possibile tornare non appena è sicuro farlo, la nostra priorità rimane la sicurezza della comunità di Formula 1 e delle comunità che visitiamo, e su questa base esaminiamo l’accesso dei tifosi».


La qualità dell'informazione è un bene assoluto, che richiede impegno, dedizione, sacrificio. Il Quotidiano del Sud è il prodotto di questo tipo di lavoro corale che ci assorbe ogni giorno con il massimo di passione e di competenza possibili.
Abbiamo un bene prezioso che difendiamo ogni giorno e che ogni giorno voi potete verificare. Questo bene prezioso si chiama libertà. Abbiamo una bandiera che non intendiamo ammainare. Questa bandiera è quella di un Mezzogiorno mai supino che reclama i diritti calpestati ma conosce e adempie ai suoi doveri.  
Contiamo su di voi per preservare questa voce libera che vuole essere la bandiera del Mezzogiorno. Che è la bandiera dell’Italia riunita.
ABBONATI AL QUOTIDIANO DEL SUD CLICCANDO QUI.

Condividi:

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA