X
<
>

Matteo Berrettini durante la finale con Djokovic

Tempo di lettura < 1 minuto

LONDRA (INGHILTERRA) – Novak Djokovic è il re della 134esima edizione del singolare maschile di Wimbledon, terza prova stagionale del Grande Slam, disputata sui campi in erba dell’All England Club di Londra.

Nell’odierna finale, il tennista serbo, numero uno del mondo e del seeding, ha sconfitto l’azzurro Matteo Berrettini, 9 del ranking internazionale, in quattro set. Il 34enne nato a Belgrado si è imposto col punteggio di 6-7 (4) 6-4 6-4 6-3, dopo tre ore e 24 minuti di “battaglia”.

Il 25enne romano, primo italiano nella storia a raggiungere la sfida decisiva per il titolo sui prestigiosi prati della capitale inglese, ha lottato per lunghi tratti alla pari con Djokovic, giunto alla 30esima finale a livello di Major della carriera.

Oggi il serbo ha eguagliato Rafael Nadal e Roger Federer a quota 20 successi nei 4 tornei più importanti del circuito. Djokovic ha in bacheca 9 trofei dell’Australian Open, 2 del Roland Garros, 3 degli Us Open e 6 di Wimbledon.

Il serbo, quest’anno vincitore anche degli Australian Open e del Roland Garros, inoltre, è a caccia del sogno “Grande Slam” (o addirittura del “Grande Slam d’oro”, aggiungendo ai 4 Major anche i Giochi olimpici). L’impresa di vincere i quattro grandi tornei nell’arco di un’annata è stata centrata l’ultima volta, al maschile, da Rod Laver nel 1969.

Numeri ben diversi per l’italiano, che prima di questa settimana aveva raggiunto al massimo la semifinale in una prova del Grande Slam, quella degli Us Open del 2019 persa contro Rafael Nadal.


La qualità dell'informazione è un bene assoluto, che richiede impegno, dedizione, sacrificio. Il Quotidiano del Sud è il prodotto di questo tipo di lavoro corale che ci assorbe ogni giorno con il massimo di passione e di competenza possibili.
Abbiamo un bene prezioso che difendiamo ogni giorno e che ogni giorno voi potete verificare. Questo bene prezioso si chiama libertà. Abbiamo una bandiera che non intendiamo ammainare. Questa bandiera è quella di un Mezzogiorno mai supino che reclama i diritti calpestati ma conosce e adempie ai suoi doveri.  
Contiamo su di voi per preservare questa voce libera che vuole essere la bandiera del Mezzogiorno. Che è la bandiera dell’Italia riunita.
ABBONATI AL QUOTIDIANO DEL SUD CLICCANDO QUI.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA