X
<
>

Massimo Stano al traguardo

Tempo di lettura 2 Minuti

TOKYO – Massimo Stano ha vinto la medaglia d’oro nella 20km di marcia ai Giochi Olimpici di Tokyo. La gara è stata disputata a Sapporo. L’azzurro ha chiuso in 1’21″05 superando a sorpresa i giapponesi Ikeda e Yamanishi.

Il 29enne è nato a Grumo Appula in Puglia ma vive a Roma insieme alla moglie ed ex collega Fatima Lofti. I suoi idoli sono l’ex marciatore azzurro Ivano Brugnetti e quello ecuadoriano Jefferson Perez. Al traguardo Stano ha festeggiato con il gesto del dito in bocca a simboleggiare l’arrivo di un bebè. Tesserato per le Fiamme Oro era alla prima esperienza olimpica.

Dopo i primi 5km ha iniziato a farsi vedere nel gruppetto che inseguiva due i fuggitivi: il cinese Wang e l’indiano Kumar. Dopo altri due chilometri l’azzurro si è messo alla testa e ha fatto l’andatura per cercare di riprendere i primi due. Al 10 km è rimasto in testa ancora il cinese Wang, mentre l’indiano non ha retto il ritmo ed è stato riassorbito nelle retrovie, ma gli inseguitori, guidati da Stano, si erano ormai ridotti.

Al 12°km Stano ha preso il comando agganciando Wang insieme a lui i giapponesi Yamanishi e Ikeda e gli spagnoli Garcia Martin con il cinese Zhang a completare il gruppetto di testa.

A cinque chilometri dal traguardo la situazione è rimasta sempre la stessa con Stano che ha però iniziato a guardarsi intorno per vedere la reazione dei suoi compagni di fuga. Nel corso del 16/o km Massimo ha cercato di allungare ma insieme a lui sono partiti anche i due giapponesi creando un terzetto che ha lasciato indietro tutti gli altri. Yamanishi poi si è staccato ma Stano ha preso il primo a un chilometro e mezzo dal traguardo mentre Ikeda gli restava incollato.

Dopo la campana dell’ultimo chilometro l’azzurro ha pescato in fondo alle sue gambe le ultime riserve e ha staccato decisamente il giapponese Ikeda avviandosi sempre più nettamente solitario al traguardo.


La qualità dell'informazione è un bene assoluto, che richiede impegno, dedizione, sacrificio. Il Quotidiano del Sud è il prodotto di questo tipo di lavoro corale che ci assorbe ogni giorno con il massimo di passione e di competenza possibili.
Abbiamo un bene prezioso che difendiamo ogni giorno e che ogni giorno voi potete verificare. Questo bene prezioso si chiama libertà. Abbiamo una bandiera che non intendiamo ammainare. Questa bandiera è quella di un Mezzogiorno mai supino che reclama i diritti calpestati ma conosce e adempie ai suoi doveri.  
Contiamo su di voi per preservare questa voce libera che vuole essere la bandiera del Mezzogiorno. Che è la bandiera dell’Italia riunita.
ABBONATI AL QUOTIDIANO DEL SUD CLICCANDO QUI.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA