X
<
>

Abraham Conyedo Ruano

Tempo di lettura 2 Minuti

TOKYO (GIAPPONE) – Abraham Conyedo Ruano conquista il bronzo nel torneo di lotta libera, categoria 97 kg. L’azzurro ha affrontato e superato il turco Suleyma Karadeniz 6-2. Si tratta della 39esima medaglia italiana: 10 ori, 10 argenti, 19 bronzi.

L’italo-cubano ha superato in rimonta, per 6-2, il turco Karadeniz con un parziale finale di 6-0 dopo i primi punti messi a segno dall’avversario. Si tratta della medaglia numero 39 per la spedizione italiana ai Giochi giapponesi. 

Abraham de Jesús Conyedo Ruano, gareggia nella categoria 97 kg ed è nato nel 1993 a Cuba, ma ha ottenuto la cittadinanza italiana per meriti sportivi nel dicembre 2019, un anno dopo l’esordio in azzurro.

Il 27enne di Santa Clara si era affermato a 17 anni con la medaglia d’oro per Cuba nella prima edizione dei Giochi Olimpici Giovanili di Singapore, nel 2010. A 22 anni aveva esordito nella categoria senior con l’argento ai campionati panamericani di Santiago del Cile del 2015.

Trasferitosi in Italia nel Club Atletico Faenza, è poi approdato nell’Esercito debuttando in azzurro nel 2018 con gli Europei di Kaspijksk e i mondiali di Budapest con il bronzo nella categoria 97 kg., unica medaglia italiana della disciplina. Nel 2020 ha vinto una delle medaglie di bronzo, sempre nella stessa categoria, ai Campionati europei di wrestling 2020 svoltisi a Roma.

Conyedo è alto un metro e 84 per 97 chili: celibe, il suo hobby è la musica ed è molto religioso (“Una declinazione irrinunciabile della quotidianità”, è scritto nella scheda del Coni), come dimostra il segno della croce con cui accompagna le sue vittorie.


La qualità dell'informazione è un bene assoluto, che richiede impegno, dedizione, sacrificio. Il Quotidiano del Sud è il prodotto di questo tipo di lavoro corale che ci assorbe ogni giorno con il massimo di passione e di competenza possibili.
Abbiamo un bene prezioso che difendiamo ogni giorno e che ogni giorno voi potete verificare. Questo bene prezioso si chiama libertà. Abbiamo una bandiera che non intendiamo ammainare. Questa bandiera è quella di un Mezzogiorno mai supino che reclama i diritti calpestati ma conosce e adempie ai suoi doveri.  
Contiamo su di voi per preservare questa voce libera che vuole essere la bandiera del Mezzogiorno. Che è la bandiera dell’Italia riunita.
ABBONATI AL QUOTIDIANO DEL SUD CLICCANDO QUI.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA