X
<
>

Tempo di lettura 2 Minuti

TORINO – Il Barcellona trova per la prima volta la vittoria in casa della Juventus. Mai vincente a Torino nei sei precedenti, la squadra blaugrana porta a casa il successo per 2-0 nella seconda giornata di Champions League. Una vittoria che lancia la squadra catalana in testa al girone in solitaria.

Alla vigilia speranzosa di recuperare Ronaldo, la Juventus si è trovata per la quarta partita di fila senza il suo asso, ancora positivo. Rimandato dunque alla sfida di ritorno il remake dell’eterno duello con Lionel Messi. Nella Juve alla fine Bonucci ce l’ha fatta a essere titolare seppur in precarie condizioni, mentre Koeman nel Barcellona ha scelto di lasciare in panchina l’esperto Busquets e il talento Ansu Fati.

Ospiti più vivi fin dalle prime battute con l’ex Pjanic a recuperare la sfera nell’area juventina al 2′ e a servire Griezmann la cui botta di sinistro si è andata a stampare sul palo alla destra di Szczesny. Barcellona però in vantaggio al 14′ del primo tempo: cambio di gioco di Messi a cercare Dembèlè bravo a puntare l’area di rigore palla al piede, prima una finta con il mancino poi il rientro sul destro, conclusione sporcata da Chiesa in copertura e traiettoria imprendibile per l’incolpevole Szczesny.

Juventus volenterosa e molto dinamica dalla cintola in su in cerca del pareggio e in gol con Morata due volte nei primi 45 minuti ma in entrambe le occasioni in fuorigioco. Notte maledetta per Morata che anche nella ripresa si è visto annullare per fuorigioco un’altra rete.

Barcellona in controllo e a tratti anche sprecone, nella ripresa manca più volte il gol del definitivo ko, ma ci pensa Messi al 46′ a raddoppiare su calcio di rigore procurato da Ansu Fati per fallo di Bernardeschi.

In collaborazione con Italpress


La qualità dell'informazione è un bene assoluto, che richiede impegno, dedizione, sacrificio. Il Quotidiano del Sud è il prodotto di questo tipo di lavoro corale che ci assorbe ogni giorno con il massimo di passione e di competenza possibili.
Abbiamo un bene prezioso che difendiamo ogni giorno e che ogni giorno voi potete verificare. Questo bene prezioso si chiama libertà. Abbiamo una bandiera che non intendiamo ammainare. Questa bandiera è quella di un Mezzogiorno mai supino che reclama i diritti calpestati ma conosce e adempie ai suoi doveri.  
Contiamo su di voi per preservare questa voce libera che vuole essere la bandiera del Mezzogiorno. Che è la bandiera dell’Italia riunita.
ABBONATI AL QUOTIDIANO DEL SUD CLICCANDO QUI.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA