X
<
>

Tempo di lettura 2 Minuti

ROMA – La Lega di serie A, riunita in Assemblea, ha assegnato i diritti tv domestici per il massimo campionato per il prossimo triennio a Dazn.

A favore dell’offerta di Dazn si sono espressi 16 club, contro quattro (Genoa, Crotone, Sampdoria e Sassuolo). Il quorum necessario era a 14.

La Lega Serie A ha messo in atto la svolta, dopo l’accordo trovato ieri, e ha deciso di assegnare a Dazn i pacchetti 1 e 3 per una cifra pari a circa 840 milioni di euro a stagione che prevede 7 gare a giornata in esclusiva (pacchetto 1) e e 3 gare in co-esclusiva (pacchetto 3).

Per quanto riguarda invece il pacchetto 2, con la co-esclusiva delle 3 gare si continuerà a trattare con Sky fino a lunedì 29 marzo, data in cui è prevista la scadenza dell’offerta da 70 milioni a stagione della piattaforma satellitare.

Quasi contestualmente Dazn e Tim hanno comunicato di aver firmato un accordo di distribuzione che, estendendo la partnership in essere, porta su TimVision i contenuti del servizio streaming per i prossimi tre anni. Dazn proseguirà la distribuzione delle partite via internet e ha scelto Tim come partner strategico. Pertanto, Tim sarà l’operatore di telefonia e Pay Tv di riferimento per l’offerta dei contenuti di Dazn in Italia. La nuova partnership sarà attiva a partire da luglio 2021 e ai clienti Tim saranno riservate offerte dedicate per il servizio Dazn che include le partite della Serie A, per un bacino di utenza di circa 5 milioni di famiglie fino ad oggi in prevalenza via satellite.


La qualità dell'informazione è un bene assoluto, che richiede impegno, dedizione, sacrificio. 
Il Quotidiano del Sud è il prodotto di questo tipo di lavoro corale che ci assorbe ogni giorno con il massimo di passione e di competenza possibili.
Abbiamo un bene prezioso che difendiamo ogni giorno e che ogni giorno voi potete verificare. Questo bene prezioso si chiama libertà. 
Abbiamo una bandiera che non intendiamo ammainare. Questa bandiera è quella di un Mezzogiorno mai supino che reclama i diritti calpestati ma conosce e adempie ai suoi doveri.  
Contiamo su di voi per preservare questa voce libera che vuole essere la bandiera del Mezzogiorno. Che è la bandiera dell’Italia riunita.
ABBONATI AL QUOTIDIANO DEL SUD CLICCANDO QUI.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares