X
<
>

Barella esulta dopo il gol che ha sbloccato la partita

Tempo di lettura 2 Minuti

MONACO DI BAVIERA (GERMANIA) – Un’Italia da applausi non si ferma più e approda in semifinale agli Europei per la quinta volta nella sua storia. Al termine di una partita durissima e sofferta, gli azzurri superano il Belgio per 2-1 grazie ai gol di Barella e Insigne e martedì sera a Wembley sfideranno la Spagna per un posto in finale.

I ragazzi di Mancini, protagonisti di una prestazione di cuore nonostante le tante difficoltà dovute alle incursioni di De Bruyne e Lukaku – autore su rigore del gol dei Diavoli Rossi – conquistano con merito la sfida dell’Allianz Arena di Monaco di Baviera e adesso possono davvero sognare di alzare il trofeo continentale.

Avvio vivace da una parte e dall’altra, dopo tredici minuti c’è un gol annullato agli azzurri dopo un intervento del Var che rileva il fuorigioco di Di Lorenzo autore dell’assist per Bonucci. L’Italia accusa il colpo a livello psicologico e rischia di sbandare più di una volta sui contropiedi micidiali dei Diavoli Rossi, vicinissimi al gol con le conclusioni di De Bruyne – recuperato in extremis – e Lukaku sulle quali è miracoloso Donnarumma.

Passato lo spavento, gli azzurri tornano a giocare con discreta spavalderia e trovano il vantaggio, questa volta in modo assolutamente regolare, con il tiro perfetto di Barella su assist di Verratti.

L’Italia, visibilmente galvanizzata, non si ferma più e trova subito il raddoppio con Insigne che, dopo una serpentina nello stretto, calcia con il suo proverbiale tiro a giro. Prima dell’intervallo, però, beffa per gli azzurri con il rigore davvero generoso per un contatto tra Di Lorenzo e Doku. Dal dischetto Lukaku spiazza Donnarumma e segna ancora all’ex portiere del Milan firmando l’1-2.

Nella ripresa occasione incredibile intorno all’ora di gioco per Lukaku, che a porta vuota da due passi colpisce in pieno Spinazzola e grazia gli azzurri. Negli ultimi venti minuti i Diavoli Rossi premono con insistenza, mentre per la Nazionale è da segnalare l’infortunio muscolare di Spinazzola che esce in lacrime a dieci minuti dalla fine. Non ci sono però altre occasioni degne di nota e dopo un finale in apnea l’Italia può festeggiare l’approdo in semifinale.

Questo il tabellino della partita:

BELGIO (3-4-2-1): Courtois; Alderweireld, Vermaelen, Vertonghen; Meunier (24’st Chadli, 29’st Praet), Witsel, Tielemans (24’st Mertens), T.Hazard; De Bruyne, Doku; Lukaku. In panchina: Kaminski, Sels, Boyata, Denayer, Trossard, Dendoncker, Carrasco, Benteke, Batshuayi. Allenatore: Martinez.

ITALIA (4-3-3): Donnarumma; Di Lorenzo, Bonucci, Chiellini, Spinazzola (34’st Emerson); Barella, Jorginho, Verratti (29’st Cristante); Chiesa (45’st Toloi), Immobile (29’st Belotti), Insigne (34’st Berardi). In panchina: Sirigu, Meret, Bastoni, Acerbi, Bernardeschi, Locatelli, Pessina. Allenatore: Mancini.

ARBITRO: Vincic (Slovenia).

RETI: 31’pt Barella, 43’pt Insigne, 47’pt Lukaku (rig).

NOTE: serata serena, terreno di gioco in buone condizioni. Ammoniti: Verratti, Tielemans, Berardi. Angoli: 9-5. Recupero: 3′; 7′.


La qualità dell'informazione è un bene assoluto, che richiede impegno, dedizione, sacrificio. Il Quotidiano del Sud è il prodotto di questo tipo di lavoro corale che ci assorbe ogni giorno con il massimo di passione e di competenza possibili.
Abbiamo un bene prezioso che difendiamo ogni giorno e che ogni giorno voi potete verificare. Questo bene prezioso si chiama libertà. Abbiamo una bandiera che non intendiamo ammainare. Questa bandiera è quella di un Mezzogiorno mai supino che reclama i diritti calpestati ma conosce e adempie ai suoi doveri.  
Contiamo su di voi per preservare questa voce libera che vuole essere la bandiera del Mezzogiorno. Che è la bandiera dell’Italia riunita.
ABBONATI AL QUOTIDIANO DEL SUD CLICCANDO QUI.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA