X
<
>

Roberto Mancini

Condividi:

TORINO – «I cinque azzurri candidati al Pallone d’Oro? Sono in quella lista perché sono bravi, non per merito mio. Per me il Pallone d’Oro lo deve vincere Jorginho, ha vinto di tutto e se lo merita ampiamente. Mi sembrerebbe strano il contrario».

Così il commissario tecnico della nazionale italiana Roberto Mancini, durante la conferenza stampa alla vigilia del match contro il Belgio valido come finale per il terzo posto della Nations League, ha commentato la notizia dei 5 azzurri candidati al Pallone d’Oro. Il tecnico ha parlato anche di eventuali cambi in vista della sfida di Torino e di quello che potrà essere il futuro della nazionale:

«Ci potranno essere delle variazioni sul gioco, se vinciamo possiamo conquistare punti nel ranking in vista del sorteggio per il mondiale in Qatar. Abbiamo intrapreso una bellissima strada, dobbiamo continuare a migliorarci. I ragazzi possono giocare per altri 5/6 anni. Sono stato molto orgoglioso della sfida con la Spagna, in dieci sarebbe potuta finire anche quattro o cinque a zero. Abbiamo concesso il minimo e abbiamo anche segnato. Sono molto contento per quello che abbiamo fatto fino ad oggi».

«Quale bambino non sogna il Pallone d’Oro? Sognare in piccolo e sognare in grande è la stessa cosa, quindi meglio sognare in grande», le parole del centrocampista azzurro Jorginho. «Abbiamo appena perso una partita, ma c’è già voglia di vincere di nuovo. In questo gruppo abbiamo una mentalità vincente, già la sfida contro il Belgio rappresenta un’opportunità».

In collaborazione con Italpress


La qualità dell'informazione è un bene assoluto, che richiede impegno, dedizione, sacrificio. Il Quotidiano del Sud è il prodotto di questo tipo di lavoro corale che ci assorbe ogni giorno con il massimo di passione e di competenza possibili.
Abbiamo un bene prezioso che difendiamo ogni giorno e che ogni giorno voi potete verificare. Questo bene prezioso si chiama libertà. Abbiamo una bandiera che non intendiamo ammainare. Questa bandiera è quella di un Mezzogiorno mai supino che reclama i diritti calpestati ma conosce e adempie ai suoi doveri.  
Contiamo su di voi per preservare questa voce libera che vuole essere la bandiera del Mezzogiorno. Che è la bandiera dell’Italia riunita.
ABBONATI AL QUOTIDIANO DEL SUD CLICCANDO QUI.

Condividi:

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA