X
<
>

Paulo Dybala e Massimiliano Allegri

Condividi:

TORINO – Dopo il rientro dalla Russia e la seduta di scarico la Juventus si è ritrovata sotto il sole del Training Center per una nuova giornata di lavoro.

Manca poco al prossimo match che vedrà i bianconeri scendere in campo a Milano, contro l’Inter. Il Derby d’Italia, in programma per domenica alle ore 20.45, sarà valevole per la nona giornata di campionato.

Una sfida da sempre affascinante, una gara che la Juventus vorrà affrontare nel migliore modo possibile per prolungare l’importante striscia di risultati utili consecutivi ottenuti tra Serie A e Champions League.

Per farlo il gruppo si è concentrato sulla costruzione della manovra e coloro che non hanno giocato mercoledì sera hanno chiuso l’allenamento odierno con una partitella su campo allungato. Paulo Dybala ha svolto l’intera seduta di allenamento in gruppo.

«Dybala – ha garantito Allegri – domani sarà a disposizione, sta bene ha fatto due allenamenti con la squadra. Per la partita di domani siamo quasi al completo come disponibilità. Sarà molto importante in questo periodo perché ho bisogno di tutti come è successo mercoledì in Russia dove chi è entrato è stato decisivo» per Allegri «I cambi danno il contributo che devono dare. Entrano e aiutano i compagni e devono entrare con la testa giusta. all’inizio conosce meno i ragazzi e adesso sono agevolato ma il merito e loro che entrano e danno un contributo importante».

Adrien Rabiot ha invece effettuato il controllo con test diagnostico (tampone) per il Covid 19. L’esame ha dato esito negativo. Il giocatore è pertanto guarito e non più sottoposto al regime di isolamento domiciliare. Domani sarà già vigilia e come di consueto Mister Allegri presenterà la partita in conferenza stampa.


La qualità dell'informazione è un bene assoluto, che richiede impegno, dedizione, sacrificio. Il Quotidiano del Sud è il prodotto di questo tipo di lavoro corale che ci assorbe ogni giorno con il massimo di passione e di competenza possibili.
Abbiamo un bene prezioso che difendiamo ogni giorno e che ogni giorno voi potete verificare. Questo bene prezioso si chiama libertà. Abbiamo una bandiera che non intendiamo ammainare. Questa bandiera è quella di un Mezzogiorno mai supino che reclama i diritti calpestati ma conosce e adempie ai suoi doveri.  
Contiamo su di voi per preservare questa voce libera che vuole essere la bandiera del Mezzogiorno. Che è la bandiera dell’Italia riunita.
ABBONATI AL QUOTIDIANO DEL SUD CLICCANDO QUI.

Condividi:

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA