Salta al contenuto principale

Da dove viene lo “staccaspina” di Salvini. l'attivista Ciccio Noto

“Ho schiacciato il tasto di emergenza perché siamo in emergenza sociale”

Il silenziatore di Salvini si racconta al Quotidiano del Sud l’AltraVoce dell’Italia nell’ex Istituto delle Canossiane di Cosenza, diventato casa di decine di occupanti, migranti e italiani insieme. “Mentre in Italia si susseguono sgomberi e violenze contro i poveri, a Cosenza, dopo numerose proteste e manifestazioni abbiamo vinto una battaglia molto importante, e a ridosso dell’estate Comune e Prefettura hanno riconosciuto il diritto alla casa a più di 50 occupanti dell’ex Hotel Centrale”. A Soverato sentivo l’esigenza di zittire Salvini e di far sì che prevalesse la piazza.

Per approfondire: