X

Tempo di lettura 2 Minuti

Caso ha voluto che la Fase 2 dell’emergenza Coronavirus scattasse in una data iconica per i fan di Guerre Stellari, lo Star Wars Day, celebrato ogni anno il 4 di maggio. Il motivo è nell’assonanza – possibile solo in inglese – fra “May the fourth” (4 maggio appunto) e “May the Force” (“Che la Forza”), completato poi da “be with you” (“sia con te”).

Un’invocazione all’energia misteriosa della “Galassia lontana lontana” – nata dal genio di George Lucas -che attraversa tutte le cose e solo un Cavaliere Jedi è in grado di amministrare con saggezza, evitando le insidie del Lato Oscuro. Una preghiera inventata che oggi suona come un buon auspicio, mentre siamo chiamati a non vanificare i sacrifici di due mesi di lockdown.

Causa pandemia gli eventi che in tutto il pianeta ogni anno vedono come animatori i fan non potranno, ovviamente, svolgersi. Un peccato se si pensa che questo Star Wars Day è il primo dell’era post Skywalker. Le vicende della famiglia protagonista dell’opera centrale del franchise si sono, infatti, concluse a fine 2019, con l’uscita di Episodio IX “L’ascesa di Skywalker”.

Il brand, in ogni caso, resta in piedi, affidato, per il momento, alle acclamate serie animate e alla fiction spinoff “The Mandalorian”, in onda su Disney+. Ma per il futuro la casa di produzione di Topolino – che nel 2012 ha acquistato la Lucas Arts per oltre 4 miliardi di dollari – avrebbe in progetto un’altra trilogia, ambientata secoli prima della nascita di Anakin Skywalker (alias Darth Fener) – ai tempi della “Vecchia Repubblica” – e una serie dedicata a Obi Wan Kenobi. L’universo mitologico di Guerre Stellari sembra dunque destinato a espandere ulteriormente i propri confini. Con buona pace dei fan “duri e puri” che non hanno mai fatto mistero di non apprezzare la commercializzazione spregiudicata operata da Disney nei confronti di un franchise entrato di diritto nella storia del cinema.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares