Salta al contenuto principale

Occhio Malocchio

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
0 minuti m 29 secondi sec

Luigi Di Maio corre a rinfocolare la guerra civile e suona la fanfara per il 24+1 di aprile. Doveroso. Purché non gli finisca come il Silvio Berlusconi all’apice del successo quando a Onna – col fazzoletto dei partigiani – il giorno dopo va poi a incappare nel principiare della sua fine: da Noemi alle Olgettine nel rovinio del Bunga-bunga.

SCOPRI TUTTE LE CARD DI PIETRANGELO BUTTAFUOCO

Se non fu coincidenza, fu nemesi. Si tuteli, Di Maio, Abbia a premunirsi: spicchio d’aglio, cornino di corallo, ferro di cavallo. Oppure segua il consiglio di Lino Banfi: occhio, malocchio, prezzemolo e finocchio.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?