Giuseppe Conte e Luigi Di Maio

Tempo di lettura < 1 minuto

Dante Alighieri non poteva certo immaginarlo un contrappasso più sfacciato di quello toccato in sorte – e senza neppure arrivare nella tomba – al M5S. Il movimento fondato da Beppe Grillo, lanciato nella battaglia politica da due ragazzi puliti – Luigi Di Maio e Alessandro Di Battista – atteso nella vera rivoluzione, la dismissione della casta, si ritroverà salvato dalla casta: ex di Forza Italia ed eletti del centrodestra in soccorso di Giuseppi Conte. Giusto a conferma: “Ahi serva Italia, di dolore ostello/nave sanza nocchiero in gran tempesta,/non donna di provincia ma bordello”.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA