Grillo e Bonafede

Tempo di lettura < 1 minuto

Siamo nel pieno del grillismo inverato. Tutto quello che teorizzava Beppe Grillo è cosa fatta. Più decrescita felice di così – col coronavirus che chiama miseria mentre svuota aeroporti, porti, strade, piazze e ferrovie – non si può. Anche Fofò Bonafede, ministro della Giustizia, vista la situazione può dirsi felice. Con le disposizioni sanitarie, infatti, siamo tutti ai domiciliari. E come dice il maestro Peppino Sottile, salutandoci in interfono e anche via Skype, “Palermo è già un immenso Ucciardone!”.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA