X

Tempo di lettura 2 Minuti

L’emergenza sanitaria, derivante dalla pandemia da coronavirus Covid 19, che ha cambiato le abitudini di molte famiglie nel nostro Paese, «ha reso il digitale uno strumento fondamentale per tutti per non fermarsi e per non rimanere indietro».

Le necessarie restrizioni hanno portato ad una rivoluzione che «ha cambiato in poco tempo anche l’esperienza di docenti e studenti, che hanno dovuto ripensare l’approccio all’insegnamento e all’apprendimento e applicare le proprie competenze in uno scenario completamente nuovo».

Sono circa 6.7 milioni (circa l’80%) gli alunni che attualmente frequentano lezioni a distanza (Fonte: Ministero dell’Istruzione).  È in questo contesto che si inserisce l’EDU DAY 2020, l’evento Microsoft dedicato al mondo della Scuola e dell’Università che quest’anno, in un’edizione speciale completamente digitale, vede l’alternarsi di interventi di importanti rappresentanti delle istituzioni del mondo dell’Istruzione, scuole, università, associazioni e aziende per raccontare le sfide affrontate in questo periodo e analizzare le opportunità di crescita. Tra questi anche il Ministro dell’Istruzione Lucia Azzolina e il Ministro dell’Università e della Ricerca Gaetano Manfredi (L’ARTICOLO CONTINUA DOPO IL VIDEO DEL LORO INTERVENTO)

Il protocollo d’intesa con il MIUR, quello ultradecennale fra la CRUI e Microsoft hanno permesso di contribuire all’innovazione del sistema scolastico e universitario, non ultimo il fatto che fin dall’insorgere dell’emergenza COVID 19 si sia lavorato a stretto contatto per garantire tramite le piattaforme cloud di Microsoft la continuità didattica.

L’investimento Microsoft con l’apertura del data center Italiano annunciata venerdì scorso consentirà di innovare ulteriormente i servizi universitari, la didattica e la ricerca oltre a sviluppare le competenze digitali degli studenti necessarie per affrontare le sfide del mondo del futuro.

L’appuntamento segna la prima iniziativa di Microsoft in seguito del lancio del piano di investimenti per il Paese “Ambizione Italia Digital Restart” che vede nel mondo Education e degli skill digitali un primo importante pilastro di rilancio e crescita del Paese.

L’appuntamento è anche l’occasione per presentare i primi risultati di “Emotion Revolution: Emozioni e Didattica a Distanza durante l’emergenza Covid-19”, una ricerca qualitativa di Microsoft Italia, realizzata in collaborazione con PerLAB e Wattajob, che scatta una prima fotografia degli effetti emotivi dell’emergenza Coronavirus nel mondo della scuola, tra gli insegnanti e gli studenti e che si propone di monitorarne l’evoluzione fino alla fine dell’anno scolastico.  

Partecipano alla giornata anche i partner Acer, HP, Intel, Lenovo e Vodafone che hanno contribuito al racconto attraverso la condivisione di esperienze, storie di successo e buone pratiche di scuola digitale.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares