Salta al contenuto principale

A Cosenza arrivano studenti da tutto il mondo

Il primato dell'Unical per l'intelligenza artificiale

Chiudi
Apri
Didascalia Foto: 
L'Università della Calabria
Tempo di lettura: 
1 minuto m 7 secondi sec

Dagli Stati Uniti alla Calabria per studiare intelligenza artificiale. Per gli studenti della Miami University, in Ohio, è il settimo anno di fila: ogni estate lasciano il loro campus per frequentare una summer school in “Knowledge representation and reasoning” organizzata per loro dal dipartimento di Matematica e Infomatica dell'Università della Calabria. E scambi frequenti interessano anche studenti, dottorandi e docenti che arrivano dalla California, dal New Mexico, dalla Florida, dallo stato di Washington e dal Kentucky, O, per restare in Europa, da Oxford e Vienna.

Perché si spingono fin nel profondo Sud Italia? Perché qui, tra le colline di Arcavacata di Rende, ha preso forma una vera e propria scuola di Intelligenza artificiale, pluripremiata a livello internazionale e guidata dal professor Nicola Leone.

È la storia di un cervello “di ritorno” quella di Leone, oggi peraltro candidato a rettore dell'ateneo calabrese. Dopo la laurea in Matematica, conseguita sempre all'Università della Calabria, alla carriera accademica proprio non pensava.

Ha iniziato a lavorare al Crai (Consorzio ricerca applicazioni informatica) in Calabria, dov'è avvenuta la sua “conversione” all'informatica. Dopo cinque anni, quando l'azienda ha deciso di chiudere l'area ricerca, si è licenziato. «La ricerca era ormai la mia passione - ricorda - Così ho rinunciato a uno stipendio mensile di 2 milioni di lire per accettare una borsa di studio del Cnr a 700mila lire».

IL SERVIZIO INTEGRALE SULL'EDIZIONE CARTACEA DI OGGI

 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?