Salta al contenuto principale

Governance europea e autonomia differenziata, la ricreazione è finita in Europa e in Italia

Chiudi
Apri
Didascalia Foto: 
Ursula von der Leyen e Christine Lagarde
Tempo di lettura: 
2 minuti m 0 secondi sec

Alla fine è finito nel cestino lo Spitzenkandidat, una sorta di manuale Cencelli del “popolo europeo”, che distribuisce da sempre incarichi e poltrone con il bilancino tra le designazioni dei grandi partiti e le indicazioni del voto popolare. Come era giusto e come auspicato, peraltro, da questo giornale in tempi non sospetti. Resta, però il fatto che, dopo le tribolazioni di questi giorni, il quadro di governance della nuova Europa che dovrà ora superare l’esame del Parlamento europeo (passaggio non rituale) esprime in tutto e per tutto il segno dei grandi Paesi mandatari e delle tradizionali famiglie politiche che si affidano a valenti professionisti di loro fiducia.

Dietro la scelta di due donne – è la prima volta – di assoluto valore e di lunga esperienza politica, la tedesca Ursula von der Leyen e la francese Christine Lagarde, per la guida della Commissione europea e della Banca Centrale Europea, si vede a occhio nudo il peso e la forza di un’Europa che è quella francotedesca di sempre.

Forse, pur nella palude di un Europarlamento privo di un blocco di controllo, il nucleo storico dei Paesi Fondatori – con la scontata ancorché masochistica autoesclusione dell’Italia, sempre un gradino più sotto ma sempre lì – ha oggi con mani affidabili e capaci una presa che rischia di essere visibilmente, e nei fatti, addirittura più forte delle stagioni precedenti. Con questo muro il governo gialloverde ha dovuto e, ancor più, dovrà fare i conti. Abbiamo detto con chiarezza da subito che ci trovavamo dentro una proposta di procedura di infrazione solo per eccesso di bullismo sovranista perché non volevamo riconoscere, per iscritto, che quota 100 e reddito di cittadinanza non avevano funzionato e liberavano risorse.

Rientra in una normalità a cui siamo ormai abituati l’assenza dei due “gemelli” vice-premier, Salvini e Di Maio, ogni volta che il governo Conte è costretto in ritardo (solo per colpa loro) a esplicitare ciò che ha già fatto e che risponde, almeno in termini quantitativi, a ciò che chiede l’Europa. Sconsigliamo vivamente a chi lo ha in mente di rifarsi con la redistribuzione territoriale interna della spesa pubblica dove notoriamente anche Bruxelles non mette bocca. Se qualcuno pensa di raggiungere lo stesso risultato politico depredando ancora di più il Sud a favore del Nord con un’autonomia differenziata incostituzionale e fondata su numeri falsi sappia che l’operazione verità lanciata da questo giornale è diventata realtà. Per le balle, anche qui, la ricreazione è finita.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?