Diego Armando Maradona

Tempo di lettura 4 Minuti

Chiedi a un appassionato di calcio che ha vissuto gli anni Ottanta se conosce il marchio NR. La risposta non può che essere affermativa. Da Diego Armando Maradona a Bruno Conti, passando per Roberto Baggio, Roberto Mancini, Franco Baresi: molti campioni che risvegliano l’immaginario del tifoso italiano hanno indossato almeno una volta una maglia prodotta dall’intuizione di Nicola Raccuglia.

È a questo ex calciatore siciliano che si deve la nascita di un marchio sportivo che ha segnato gli anni d’oro del calcio italiano, quando le nostre squadre alzavano trofei e si lasciavano ammirare in Europa anche per l’eleganza delle loro divise. Prima di arrivare ai vertici del calcio continentale, la NR (iniziali di Nicola Raccuglia) è partita dalla provincia. Dopo aver lasciato la sua Palermo all’età di quindici anni per approdare alla Rondinella, seconda squadra di Firenze, Raccuglia ha girovagato lo Stivale militando in diversi club: ultimo in ordine di tempo il Pescara.

È nella città adriatica che ha poi deciso di stabilirsi al termine dell’attività agonistica e di mettere su una piccola azienda di abbigliamento sportivo. Correva l’anno 1972, marketing era un termine ancora estraneo al dizionario delle squadre calcistiche. L’allora 27enne Raccuglia fiutò che investire sulla produzione di maglie, esaltando simboli e colori che fanno correre il sangue al cuore dei tifosi, sarebbe stato fecondo. Puntò inoltre sull’innovazione dei tessuti, creando un prodotto che, a differenza di quello sperimentato da lui come calciatore, lasciasse respirare la pelle.

«Iniziai in un convento – racconta Raccuglia – dove le suore mettevano a disposizione di un gruppo di ragazze del posto che volevano apprendere un mestiere le loro macchine per cucire». Il primo club a vestire NR fu il Pescara. Poi, forte di un’amicizia personale con l’allora direttore sportivo recentemente scomparso Franco Janich, Raccuglia firmò un accordo anche con il Napoli.

Nicola Raccuglia

Con la compagine partenopea conserva ancora oggi un rapporto speciale. «Non potrò mai dimenticare l’umanità di Maradona. Un giorno mi chiamò per chiedermi se potessi inviargli qualche maglia in più, da regalare ai suoi amici. Fu di una gentilezza e di un’umiltà incredibili. Il giorno dopo gliene mandai un lotto di cento». Quell’episodio fu all’origine di un’amicizia tra il campione argentino e l’ex calciatore palermitano. «Ogni volta che andavo a Soccavo (centro sportivo del Napoli, ndr), Diego mi accoglieva festosamente», ricorda. Strinsero un rapporto d’affetto con Raccuglia anche altri talenti, come Giorgio Chinaglia. Quest’ultimo, quando andò a giocare negli Stati Uniti, fece in modo che la NR sponsorizzasse i Cosmos, dove oltre a Long John giocava un certo Pelè. Ma fu alla Lazio, squadra cui è inscindibilmente legato il nome di Chinaglia, che Raccuglia ebbe un’idea destinata a lasciare il segno: nel 1982 introdusse la peculiare maglia con l’aquila stilizzata sul petto. «La feci realizzare a uno studio di Firenze, fu presentata con tutti gli onori al Circolo canottieri”, ricorda. Quella maglia è ancora oggi un oggetto di culto dei tifosi biancocelesti.

La creatività della NR fece presto breccia tra i maggiori club. «Abbiamo vestito tutte le squadre della Serie A negli anni Ottanta – afferma orgoglioso Raccuglia – tranne Torino, Juventus e Inter». Una breve parentesi, nel 1984, anche con la Nazionale italiana e un durevole rapporto con quella degli attori. NR è entrata anche nelle commedie all’italiana di quegli anni, vestendo Paulo Roberto Cotechinho, improbabile centravanti italo-brasiliano del Napoli interpretato da Alvaro Vitali, e la celebre Longobarda allenata da Oronzo Canà (Lino Banfi).

Dei fasti della NR resta oggi il ricordo. «Con l’arrivo di grandi multinazionali che potevano produrre in Oriente a basso costo, fummo gradualmente esclusi dal mercato», spiega. La NR esiste ancora, ha un sito dove è possibile acquistare i suoi nuovi prodotti, ma – osserva Raccuglia – «sarebbe impossibile vestire una squadra importante, ci costerebbe milioni di euro».

  •  
  • 2
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •