X
<
>

Tempo di lettura 2 Minuti

NAPOLI – Altri due episodi di violenza ai danni di agenti della Polizia Penitenziaria, ieri, nella casa di reclusione di Aversa (Caserta) e quella circondariale di Benevento. In entrambi i casi i responsabili delle aggressioni sono stati detenuti di origine italiana. I due poliziotti sono stati trasportati negli ospedali cittadini: i sanitari li hanno giudicati guaribili in sette giorni. Intanto sono in corso gli accertamenti per appurare le dinamiche e i motivi del gesto.

«Si ricorda che analoghi episodi si sono già registrati di recente nel penitenziario di Benevento e in altri istituti della Campania», sottolineano, in una nota, il segretario regionale dell’Osapp Vincenzo Palmieri e il segretario generale Leo Beneduci, secondo i quali «l’escalation di violenza continua senza sosta. Il DAP a parte l’ultima circolare sull’esecuzione della pena che ha declinato la responsabilità ai PRAP, nulla ha fatto per mettere in campo un piano di contro misure rispetto alla crescita del fenomeno che è sempre più diffuso nei penitenziari della Campania».

Per i due sindacalisti inoltre, si annuncia «un autunno difficile. Il ripetersi di situazioni di criticità che colpiscono la Polizia Penitenziaria e il sistema, pregiudicano la sicurezza e ovviamente a farne le spese è sempre e solo il personale che vigila e opera in condizioni estreme con l’ansia di essere aggredito e offeso». “Il PRAP sta tentando in tutti i modi e con impegno di superare le svariate difficoltà» generate, spiegano i due sindacalisti, “dalle nuove modalità sull’esecuzione della pena recepite dall’ultima circolare del mese di luglio », a cui, continua l’Osapp, si aggiunge anche la preoccupazione «di evitare ulteriori sanzioni economiche da parte dell’Europa».

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares