X
<
>

Giuseppe Tuoto in azione con la maglia della Morrone

Condividi:

COSENZA – La storia si ripete. Giusto 29 anni dopo. Sempre in coppa. Sempre con la maglia della Morrone. Sempre ai primi di settembre. Nel 1992 era un giovanissimo Claudio Tuoto a bagnare con un gol l’esordio nel calcio dei grandi. Nel 2021 tocca a Giuseppe, il figlio, debuttare con la Morrone nella Coppa Italia Dilettanti. Di padre in figlio, allora, continua la tradizione dei Tuoto nel mondo del calcio.

Per anni è stato Claudio a salire alla ribalta. “Rombo di Tuoto” ha lasciato il segno fra i Dilettanti, risultando uno dei goleador più prolifici. Per lui 239 reti siglate in 504 gare di campionato, tante soddisfazioni, vittorie e ricordi in numerose piazze dove ha puntualmente lasciato il segno. Il suo esordio è avvenuto come si diceva in Coppa Italia, con la maglia della Morrone, in una partita pareggiata per 3-3 con il Dipignano, nella quale ha pure segnato.

Domenica scorsa, invece, il figlio Giuseppe non è andato a segno, ma ha esordito anche lui con la squadra della Morrone, sempre in coppa, nella partita vinta in trasferta contro il Cassano Sybaris. Pure lui a 17 anni, come il padre Claudio nel 1992, per quella che è l’ennesima analogia. Per Claudio una carriera ricca di reti, per Giuseppe un futuro tutto da scrivere dopo tre anni nel Settore giovanile del Cosenza dove non tutto è andato per il verso giusto. Ma l’importante è aver ritrovato il sorriso proprio con la Morrone, dove si era messo in mostra anche nel torneo Allievi Elite con cinque reti in quattro partite.

Papà Claudio ha smesso di giocare, però anche lui, oggi non avrebbe problemi a scendere in campo e a segnare. Da qualche stagione ha scelto la panchina e quindi attende l’occasione giusta per tornare ad allenare. Appena può va a vedere le partite di Giuseppe, in campo domenica scorsa in coppa contro il Cassano Sybaris. È il secondo figlio dopo Giulia, con mamma Concettina che praticamente non ha mai smesso di avere a che fare con partite, trasferte, gol, gioie e delusioni. La cosa più importante, però, per Giuseppe è quella di divertirsi, aggiungendo anche l’ottimo andamento con lo studio, cosa a cui tengono particolarmente i propri genitori. Se diventerà l’erede di “Rombo di Tuoto” lo vedremo strada facendo. Intanto c’è un altro Tuoto in campo e già questa è una notizia.

Condividi:

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA