Salta al contenuto principale

Mafia, in un anno Dia sequestra 210 milioni di beni

Cambiano investimenti delle "giovani leve" dei clan

Nazionale
Chiudi
Apri
Nella foto: 
Personale della Dia
Tempo di lettura: 
0 minuti 56 secondi

NEGLI ultimi dodici mesi, la Direzione investigativa antimafia ha concluso 32 operazioni di polizia giudiziaria, con il sequestro penale di beni per un valore di oltre 210 milioni di euro e la confisca di patrimoni per 6 milioni.

Centocinquantadue i soggetti colpiti da provvedimenti restrittivi della libertà personale, di cui 47 'ndranghetisti, 33 camorristi, 24 riconducibili alla criminalità organizzata pugliese, 23 appartenenti a Cosa nostra e 25 collegati ad organizzazioni di altra matrice mafiosa.

Da queste indagini e dalle analisi condotte dalla Dia nell’ambito della "Relazione Semestrale" recentemente pubblicata, emerge poi un dato significativo: le «giovani leve» di Cosa nostra, della 'ndrangheta, della camorra e della criminalità organizzata pugliese tendono ad affiancarsi, se non addirittura a sostituirsi, alla generazione criminale precedente, investendo capitali verso aree d’impresa innovative e ad alto contenuto tecnologico; settori sino ad oggi apparentemente esclusi dalla sfera d’interesse delle mafie.

«Questi dati - sottolinea la Dia in una nota - evidenziano l'incisiva azione giudiziaria condotta dalla Direzione Investigativa Antimafia attraverso le 'indagini collegatè, ossia tutte quelle investigazioni che si prefiggono obiettivi complessi e che, come tali, richiedono una preventiva condivisione delle informazioni a vantaggio dell’azione inquirente della Magistratura.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?