Salta al contenuto principale

Povertà formativa per bambini calabresi e campani
Poche opportunità per i giovani delle regioni del Sud

Nazionale
Chiudi

Natale a scuola

Apri
Tempo di lettura: 
0 minuti 54 secondi

SONO la Sicilia e la Campania a detenere il triste primato delle regioni italiane con la maggiore «povertà educativa», cioè quelle in cui è più scarsa e inadeguata l’offerta di servizi e opportunità educative e formative che consentano ai minori di apprendere, sperimentare, sviluppare e far fiorire liberamente capacità, talenti e aspirazioni. Al secondo posto della classifica in negativo, Calabria e Puglia. Fanno da contraltare Lombardia, Emilia Romagna e Friuli Venezia Giulia, le aree più ricche di offerta formativa ed extracurriculare per i minori.

Questo il ritratto in chiaroscuro di un’Italia lontana dai target europei, in cui le opportunità per bambini e adolescenti sono esigue sia a scuola che fuori, che emerge da un rapporto di Save the Children e dal relativo Indice di povertà educativa regionale, presentato oggi a Roma. L’analisi conferma la stretta correlazione tra povertà materiale ed educativa: sono 1.045.000 i bambini che vivono in povertà assoluta e si concentrano, appunto, in regioni come la Calabria o la Sicilia.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?