X
<
>

Tempo di lettura < 1 minuto

Emozioni da genitore al primo giorno di scuola. Non fa eccezione Nichi Vendola, ex governatore della Regione Puglia, che ai social ha affidato i pensieri suscitati in lui da orgoglioso papà al suono della prima campanella.

“Primo giorno di scuola. Prima elementare – ha scritto Vendola – accompagniamo nostro figlio fin sulla soglia dell’edificio scolastico. Tanti bambini, tanti genitori, siamo tutti molto emozionati: nella sua allegra semplicità l’ingresso in quel luogo è un momento solenne, un rito di passaggio. Credo che ogni genitore viva col batticuore quell’attimo in cui il proprio bimbo o bimba viene affidato alla “pubblica istruzione”, perché sa che tra quei banchi, dinanzi a quelle lavagne, con quelle maestre, si costruirà tanta parte del futuro di quei piccoli che da oggi lo sono un po’ meno. D’improvviso mi torna in mente come un ricordo sepolto dagli anni il mio primo giorno di scuola, il pianto inconsolabile quando papà mi ha lasciato la mano e mi ha detto “vai”. E mentre cerco di consolare quel bimbo che ero io nella mia memoria in bianco e nero, accarezzo mio figlio e penso a quanto sia prezioso e delicato ogni bambino, a quanto sia cruciale proteggere la sua libertà, la sua curiosità, la sua unicità”.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA