X
<
>

La Prefettura di Bari dove ieri si è riunito il Comitato per l’Ordine e la sicurezza

Condividi:

Per ora nessuna ordinanza specifica sull’obbligo della mascherina all’aperto nelle principali vie dello shopping e della movida. Ma controlli rafforzati da parte delle forze dell’ordine nei luoghi ad alta affluenza e in tutti gli eventi collegati alle imminenti festività natalizie. È quanto stabilito dal comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica riunito ieri pomeriggio a Bari in Prefettura per adottare ogni forma di prevenzione contro il Covid.

Cerchiato di rosso lunedì 6 dicembre, data in cui in tutta Italia entreranno in vigore le nuove norme stabilite con il super green pass, la certificazione rafforzata che consentirà ai vaccinati e ai guariti di potersi muovere più liberamente in ogni ambito sociale. Ma il 6 dicembre coincide a Bari anche con l’imponente macchina organizzativa dei riti, religiosi e non, per le celebrazioni in onore di San Nicola, con migliaia di persone previste tra i vicoli del centro storico in direzione Basilica. Sempre da quella data saranno anche intensificati i controlli nelle stazioni ferroviarie dell’area metropolitana e in tutti i principali punti di snodo dei mezzi del trasporto pubblico locale.

In città ad esempio sono annunciati appositi pattugliamenti lungo le linee Amtab per evitare resse ed effettuare controlli a campione sui passeggeri dotati di green pass. «Occorre fare leva sul grande senso di responsabilità e sul dovere civico e continuare sul solco della strada intrapresa della massima prudenza per porre argine alla diffusione del contagio da virus, rispettando e facendo rispettare le misure emergenziali dettate dal governo sull’impiego del green pass, sull’utilizzo della mascherina e sul rispetto delle regole di distanziamento – il monito del Prefetto Antonella Bellomo.

All’incontro, oltre ai vertici delle forze di polizia territoriali, hanno partecipato il sindaco metropolitano di Bari e presidente nazionale Anci, Antonio Decaro, e il sindaco di Polignano a Mare, presidente regionale dell’Anci, Domenico Vitto. Oggi il prefetto Bellomo incontrerà i rappresentanti delle categorie economiche degli esercenti, degli albergatori e delle associazioni e gli operatori del pubblico spettacolo per fare il punto su tutte le misure da adottare per accogliere clienti e spettatori in totale sicurezza. E nel pieno rispetto delle regole sul green pass.

A Bari occhi puntati sul quadrilatero Murattiano e nelle principali vie del commercio come via Sparano, via Argiro e le piazze del centro storico. Il Comune ha deciso di adottare la linea della prudenza: se il quadro epidemiologico lo consentirà, nessuno stop agli aperitivi del 24 e 31 dicembre, ma divieto tassativo di spettacoli all’aperto e dj set per evitare assembramenti e resse (divieto in realtà già applicato negli anni pre-pandemia per contenere il rischio risse e disordini causati dal consumo eccessivo di alcolici). A Capodanno invece sì al concertone in piazza Libertà ma solo con ingressi limitati, posti a sedere e certificato verde.

Controlli rafforzati anche a Lecce e nel Salento, come stabilito dal comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica presieduto dal prefetto Maria Rosa Trio. La programmazione sarà elaborata dall’apposito tavolo tecnico della Questura e confluirà nel piano provinciale della Prefettura che dovrebbe essere varato entro la settimana. Anche in questo caso è previsto un incontro con i rappresentanti delle associazioni di categoria del settore economico con l’obiettivo di rafforzare la collaborazione sul rispetto delle nuove regole anti-virus.

Condividi:

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA