X
<
>

Alcuni autobus dell’Amtab danneggiati dai teppisti lo scorso anno

Tempo di lettura 3 Minuti

Gli autisti dell’Amtab hanno paura. La notte di Halloween per loro diventa una notte di terrore e temono seriamente per la propria incolumità, oltre che di quella dei passeggeri. L’anno scorso decine di mezzi dell’azienda del trasporto pubblico furono presi a sassate. Nel rione San Paolo, in particolare, un gruppo di ragazzi vestiti di nero, armati di bastoni e incappucciati, terrorizzarono il quartiere colpendo non soltanto gli autobus ma anche i veicoli in sosta.

Spaventando decine di passanti che stentavano a credere ai loro occhi. I danni per l’Amtab e per tutta la città furono ingenti, per migliaia di euro.
Ma quest’anno gli autisti non hanno nessuna intenzione di attraversare le strade alla guida dei bus senza cautele e con il timore di un’altra serata e notte da incubo. Al punto che hanno chiesto al sindaco Antonio Decaro e ai vertici dell’Amtab di sospendere definitivamente il servizio alle ore 17 di domenica 31 ottobre. La nota è stata firmata da tutti i sindacati: Cgil, Cisl, Uil, Cisas, Faisa Cisal, Cildi e Confail.

«Sono diversi anni oramai che la notte del 31 ottobre (Halloween) rappresenta un grave pericolo per gli utenti e i conducenti di autobus dell’Amtab – si legge nella nota – La notte del 31 ottobre 2020 si sono contati oltre 50 episodi di vandalismo nei confronti dei bus, dei loro conducenti e degli utenti trasportati. Lanci di uova e farina nella migliore delle ipotesi, ma non sono mancati lanci di pietre e addirittura oggetti metallici che avrebbero potuto ferire seriamente qualcuno. Vetri distrutti, carrozzerie ammaccate e tanto, tantissimo spavento per quei poveri autisti costretti a prestare il loro servizio consci della possibilità di essere oggetto di sassaiole o di oggetti atti a ferire».

Quest’anno, gli episodi di vandalismo sono partiti persino in anticipo rispetto alla notte di Halloween: si sono registrati i primi atti di teppismo con lancio di pietre contro i bus e scoppi di petardi al loro interno. «Questo folle “rito” – continua la nota delle organizzazioni sindacali – si consuma in tutta la città di Bari, ma vede il quartiere San Paolo come la terra di nessuno. È infatti in questo quartiere che si registra il più alto numero di reati contro gli autobus e comunque gli episodi più gravi. Gli autisti hanno paura – proseguono i sindacati compatti – Non si può aspettare che qualcuno si faccia male sul serio prima di prendere provvedimenti contro questo fenomeno di violenza, né tantomeno vorremmo che le pagine dei giornali venissero riempite con la conta dei danni dopo questa stupida e inutile festa».

I sindacati chiedono quindi che il servizio di trasporto nella città di Bari del giorno 31 ottobre termini alle ore 17. «Chiediamo una costante e capillare sorveglianza del territorio – concludono – al fine di scongiurare atti di violenza e teppismo ai danni degli utenti, dei conducenti e dei bus dell’Amtab».
C’è da dire che non è la prima volta che gli autisti chiedono presidi durante la notte di Halloween, anche l’anno scorso fu inviata analoga richiesta, ma rimase inascoltata. «Speriamo che questa volta – confessa un autista – considerando quanto accaduto lo scorso anno, le forze dell’ordine intervengano in maniera preventiva. Perché davvero abbiamo paura per quello che può succedere a noi e ai passeggeri che trasportiamo».

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA