X
<
>

Condividi:

Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza ha stanziato importanti risorse (17,59 miliardi) per innovare e ammodernare l’intero sistema nazionale di istruzione, a partire dalla realizzazione di nuovi asili nido e scuole di infanzia. Giovedì, i Ministri dell’Istruzione, delle Pari Opportunità, per il Sud e la Coesione territoriale hanno presentato il pacchetto di interventi che verrà a breve varato e che vale quasi un terzo delle risorse complessive, ossia 5,2 miliardi.

Queste risorse serviranno a finanziare sei linee di investimento per le infrastrutture e alla Puglia saranno riconosciuti finanziamenti per circa 348 milioni di euro, così suddivisi: 49.704.810,08 euro per la costruzione di nuove scuole; 189.895.098,24 euro per la realizzazione di nuovi asili nido; 41.230.638,70 euro per la realizzazione di nuove scuole per l’infanzia; 20.560.681,83 euro per aumentare la disponibilità di mense scolastiche; 13.222.279,10 euro per il potenziamento delle infrastrutture per lo sport a scuola; 34.988.125,88 euro per la messa in sicurezza e riqualificazione delle scuole.

A breve, saranno pubblicati gli avvisi pubblici cui i Comuni saranno chiamati a partecipare.
E’ possibile presentare la propria candidatura entro le suddette date: 18 febbraio 2022 per Asili nido e scuole di infanzia; 8 febbraio 2022 per la costruzione di nuove scuole; 28 febbraio 2022 per la realizzazione di mense e di infrastrutture per lo sport a scuola; 22 febbraio 2022 per la messa in sicurezza e riqualificazione delle scuole.

«Esprimo grande soddisfazione per le risorse messe a disposizione del sistema scolastico pugliese – ha commentato il delegato Anci Puglia all’Istruzione e sindaco di Santeramo Fabrizio Baldassarre che ha aggiunto – Adesso tocca a noi sindaci pugliesi cogliere queste opportunità con progetti di qualità e correttamente dimensionati, a beneficio delle nostre comunità».

«E’ fondamentale cogliere le opportunità del Pnrr per innovare a livello infrastrutturale il nostro sistema scolastico regionale – ha commentato inoltre il presidente di Anci Puglia, Domenico Vitto, sindaco di Polignano a mare.
«E’ una sfida importante per gli amministratori locali del sud: dobbiamo riuscire a spendere presto e bene le risorse disponibili per ridurre il divario infrastrutturale con il nord.

Per i Comuni restano elementi indispensabili, la semplificazione delle procedure e l’utilizzo di personale qualificato per lo sviluppo dei progetti, temi su cui Anci nazionale è in costante dialogo con il Governo – ha concluso il sindaco Vitto.

Sul Pnrr, il presidente del Consiglio Mario Draghi ha commentato: «Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza è un’occasione storica per rendere l’industria e l’economia più innovative e più sostenibili.

Rappresenta anche un’opportunità straordinaria per ridurre le disuguaglianze di genere, di reddito, di generazione. Per realizzare questi obiettivi dobbiamo procedere in modo coerente e ordinato. Dobbiamo collaborare e dobbiamo programmare. Vale per il Governo, per gli Enti territoriali e per il settore privato».

Condividi:

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA