X
<
>

Tempo di lettura 2 Minuti

TORINO (ITALPRESS) – “Domani voglio vedere una partita tecnicamente ‘pulità, dovremo aver pazienza ma anche il gusto di giocare queste sfide. E’ una gara internazionale e loro sono solidi fisicamente e organizzati: ci vuole una buona partita dal punto di vista della tecnica”. Lo ha dichiarato il tecnico della Juventus Massimiliano Allegri alla vigilia della sfida di Champions con il Chelsea. “Sarà una bella partita tra due grandi squadre. Il Chelsea è campione d’Europa, una formazione solida, fisica, ma anche tecnica, forte in contropiede e sulle palle inattive: Tuchel ha fatto un ottimo lavoro. Sarà una gara di alto livello, servirà attenzione, precisione e concentrazione”, ha sottolineato Allegri. “Domattina deciderò la formazione, abbiamo fatto un buon allenamento, a parte Ramsey sono tutti a disposizione – ha aggiunto l’allenatore bianconero – Tre titolari sicuri? Szczesny, Locatelli e Alex Sandro. L’unica punta di ruolo è Kean. Kuluseveski con lui in attacco? Non ho ancora deciso, ho avuto alcune sensazioni e spero siano buone: ho provato delle cose, vediamo domani mattina. Potrei stravolgere la formazione. Metterò due o tre attaccanti a seconda delle caratteristiche. Vedremo. Bernardeschi ha grandi potenzialità, deve fare partite di sostanza come con la Samp. Tutto parte dalla testa”.
“Lukaku è un attaccante devastante e inarrestabile per tutti i difensori del mondo e attorno a lui c’è una squadra compatta, una squadra vera – ha spiegato Giorgio Chiellini – Il nostro grande amico Jorginho è il faro ma il Chelsea ha anche tanti altri ottimi giocatori: non sarà semplice, ne siamo consapevoli, bisognerà avere pazienza, non concedere troppe ripartenze e non spaccare la partita perchè fisicamente forse hanno anche qualcosa più di noi. Ma è una partita in cui possiamo fare bene, abbiamo tanta voglia e sarà certamente un grande spettacolo”. Il capitano della Juventus ha poi anche ricordato il precedente del 2012/2013: “Nel match di ritorno vincemmo 3-0, un risultato ampio ma non casuale perchè noi eravamo una squadra in crescita mentre loro avevano dei problemi. Ma oggi la situazione è diversa, loro hanno il vento in poppa e stanno andando molto forte, noi stiamo cambiando qualcosa ma vogliamo fare bene”, ha concluso Chiellini.
(ITALPRESS).

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA