Tempo di lettura 2 Minuti

PORTOFERRAIO (LIVORNO), 15 MAR – Paura in mare stamani per una collisione al largo dell’isola d’Elba tra una barca a vela di 10 metri e il traghetto di linea della compagnia
Grimaldi ‘Eurocargo Brindisì partito da Palermo e diretto a Genova: illesi i cinque uomini di equipaggio dell’imbarcazione a vela. La Capitaneria di Portoferraio (Livorno) è subito
intervenuta sul posto con due motovedette per i soccorsi.
L’incidente si è verificato alle 5.20 di questa mattina a circa 6 miglia a Nord-Ovest da Punta Polveraia. Solo un grande spavento per i cinque a bordo della barca a vela, tutti
calabresi diretti a Tropea, che nonostante la collisione sono rimasti illesi. L’imbarcazione ha riportato solo lievi danni alla fiancata dritta ed è stata scortata nel porto di
Portoferraio. Il traghetto invece, dopo aver prestato assistenza all’altra unità, è stato autorizzato a riprendere la propria navigazione verso il Porto di Genova. Sono in corso gli
accertamenti da parte della Capitaneria di Portoferraio e quella di Genova per accertare le cause e le eventuali responsabilità dell’accaduto. 

PAURA in mare stamani per una collisione al largo dell’isola d’Elba tra una barca a vela di 10 metri e il traghetto di linea della compagnia Grimaldi “Eurocargo Brindisi” partito da Palermo e diretto a Genova: illesi i cinque uomini di equipaggio dell’imbarcazione a vela. La Capitaneria di Portoferraio (Livorno) è subito intervenuta sul posto con due motovedette per i soccorsi.

L’incidente si è verificato alle 5.20 di questa mattina a circa 6 miglia a Nord-Ovest da Punta Polveraia. Solo un grande spavento per i cinque a bordo della barca a vela, tutti calabresi diretti a Tropea, che nonostante la collisione sono rimasti illesi. L’imbarcazione ha riportato solo lievi danni alla fiancata dritta ed è stata scortata nel porto di Portoferraio. Il traghetto invece, dopo aver prestato assistenza all’altra unità, è stato autorizzato a riprendere la propria navigazione verso il Porto di Genova. Sono in corso gli accertamenti da parte della Capitaneria di Portoferraio e quella di Genova per accertare le cause e le eventuali responsabilità dell’accaduto. 

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •