La famiglia individuata dalla Polizia

Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 Minuti

COSENZA – Un vero e proprio intervento di salvataggio quello portato a termine dagli agenti della polizia, Squadra Volanti e reparto prevenzione Crimine, della Questura di Cosenza. Le fore dell’ordine, infatti, nel corso della nottata, durante i controlli sul territorio sono stati avvicinati da alcuni giovani che segnalavano la presenza di una giovane donna con due bambini, rispettivamente di 3 e 2 anni ed un neonato di 4 mesi accampati sotto i portici di Via Pasubio nei pressi dell’Azienda Sanitaria Provinciale.

Una volta individuata gli agenti hanno scoperto che la donna, nemmeno trentenne, era stata abbandonata dal marito in Romania. Recatasi in Italia per cercare accoglienza da alcuni familiari, dopo neanche una settimana di permanenza era stata allontanata da casa in quanto i suoi parenti non erano in grado di provvedere al mantenimento. Non conoscendo nessun altro in Italia si era trovata da sola, spaesata e senza soldi. Non avendo potuto trovare altra sistemazione aveva deciso di trascorrere la notte sotto un ponte, tenendosi stretta ai suoi tre bambini.

A quel punto gli agenti hanno prima preso in braccio i bambini per tranquillizzarli, e dopo essersi assicurati del loro stato di salute, si sono prodigati per trovare un’adeguata sistemazione.

Dopo aver incassato la mancanza di disponibiltà di posti presso varie associazioni e case famiglie, per permettere di trascorrere la notte al sicuro ed al caldo, gli uomini del Questore di Cosenza, Luigi Liguori, hanno accompagnato la famiglia in un albergo del centro città pagando di tasca propria il conto e rinviando ai giorni successivi la sistemazione definitiva.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •