Allagamenti per la pioggia intensa

Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 Minuti

CATANZARO – Al via una lunga fase di forte maltempo, dopo le giornate di sole: rischio nubifragi con situazioni potenzialmente critiche e venti meridionali burrascosi con rischio mareggiate, lunedì la situazione raggiungerà l’apice. Sono le previsioni per i prossimi giorni secondo i metereologi del centro Epson Meteo. Oggi il maltempo è concentrato sull’alta Toscana e su buona parte del Nord, con piogge in graduale intensificazione con il passare delle ore. Domani la situazione peggiora anche al Sud e Isole con rovesci e locali temporali su Campania, Calabria ionica, Sicilia orientale e meridionale e Sardegna. Venti meridionali da forti a burrascosi con raffiche anche oltre gli 80 chilometri orari e mari agitati al Centro-sud.

 

In particolare, in Calabria, la Protezione civile ha emesso un bollettino di allerta con codice arancione per la giornata di domenica in tutta la zona delle province di Catanzaro, Vibo Valentia, Crotone e Reggio Calabria. 

GUARDA IL DETTAGLIO SUL SIGNIFICATO DEI COLORI DELL’ALLERTA

Lunedì al Nord e nelle regioni tirreniche le precipitazioni particolarmente insistenti e abbondanti potranno generare situazioni potenzialmente critiche. Rischio di temporali su estremo Nordest, Liguria e regioni tirreniche.

Nel resto del paese è previsto cielo nuvoloso e a tratti alcune precipitazioni su Campania, Calabria ionica, Sicilia meridionale e Sardegna. I venti di Scirocco saranno da forti a tempestosi in tutto il Centro-sud con raffiche anche oltre i 100 chilometri orari.

A partire da martedì l’ondata di maltempo si attenuerà ma l’ingresso di aria più fredda da ovest favorirà un sensibile calo delle temperature tra martedì e mercoledì con valori più consoni alla stagione. «Entro la fine di martedì – spiegano i metereologi – sono previsti accumuli di pioggia fino a 300-400 litri su metro quadrato soprattutto su zone alpine e prealpine centro-orientali, zone pedemontane, Liguria e Friuli».

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •