Tempo di lettura 2 Minuti

PALIZZI (RC) – Due granate d’artiglieria italiana, contenenti complessivamente due chilogrammi di esplosivo, sono state fatte brillare dagli artificieri dell’Esercito del Genio guastatori di Castrovillari sulla spiaggia di Palizzi. Gli ordigni bellici sono stati scoperti da alcuni cittadini tra i vari rifiuti restituiti dal mare in burrasca. Gli artificieri hanno prima provveduto a recintare la zona con sacchetti di sabbia facendo poi esplodere le due granate in sicurezza.

Nel dettaglio, alcuni cittadini che passeggiavano sulla spiaggia hanno riconosciuto tra numerosi rifiuti un oggetto metallico che aveva una forma simile ad un ordigno. Allertati i Carabinieri della Stazione, gli stessi hanno subito confermato che l’oggetto sospetto era un residuato bellico inesploso ed immediato è scattato l’intervento dell’esercito. 

Un Nucleo degli Artificieri dell’Esercito, della Caserma “Manes” di Castrovillari è stato allertato per l’intervento urgente, data anche la vicinanza della Statale 106 e della linea ferroviaria. Giunti sul posto hanno poi individuato anche il secondo ordigno e nella giornata di ieri gli Artificieri del Genio Guastatori sono intervenuti con il supporto sanitario dei Volontari di Palizzi e la sicurezza garantita dai Carabinieri della Stazione, portando a termine l’intervento di brillamento

L’INTERVENTO – Il Capo team, primo maresciallo Francesco Cipriano, ha riconosciuto in quegli oggetti arrugginiti, due granate d’artiglieria italiane, una da 75mm e una da 100mm, contenenti in totale circa 2 kg di alto esplosivo e coadiuvato dal sergente maggiore Aversa, ha provveduto a creare una protezione di sacchetti di sabbia e a far brillare i residuati a breve distanza sulla spiaggia. 

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •