Tempo di lettura 2 Minuti

ISOLA CAPO RIZZUTO (KR) – I carabinieri della stazione di Isola di Capo Rizzuto hanno denunciato in stato di libertà alla Procura dei minori di Catanzaro due ragazzi minorenni, rispettivamente di 14 e 15 anni, che insieme ad un terzo, non imputabile poiché 12enne, sono stati scoperti subito dopo esser entrati clandestinamente in due distinte scuole di Isola di Capo Rizzuto ed aver imbrattato i pavimenti con della vernice. 

In particolare, tutto è accaduto nella tarda serata di mercoledì, quando i carabinieri  hanno scoperto che alcuni ragazzi poco prima si erano resi protagonisti di atti vandalici in due differenti scuole, l’istituto “Karol Wojtyla” in via Libertà, ed all’interno della scuola media “Da Fiore” in via Madonna degli Angeli. 
Nella prima, i ragazzi, dopo aver infranto il vetro della porta di ingresso principale, si sarebbero introdotti all’interno dei locali ed avrebbero cosparso il pavimento e le mura dell’androne di ingresso di vernice rossa, imbrattando anche diversi arredi. Nella seconda scuola, invece, gli stessi minorenni dopo aver infranto il vetro della porta sul retro dell’edificio, vista l’impossibilità ad accedere all’interno, avrebbero imbrattato la porta dell’edificio. Nel cortile, i militari hanno rinvenuto un secchio di plastica contenente vernice di colore rosso, utilizzato dai vandali per compiere entrambi i danneggiamenti.
Grazie alle indagini, i carabinieri sono riusciti subito a risalire agli autori e si sono recati nelle rispettive abitazioni. Nelle case sono stati trovati gli abiti ancora macchiati dalla stessa vernice utilizzata per danneggiare gli edifici scolastici. Dei tre, il 14enne ed il 15enne risultano frequentare la scuola media presa d’assalto. Questo episodio va ad aggiungersi a quello accaduto il 19 febbraio 2013 in cui 8 minori cercarono di appiccare il fuoco alla scuola media “Da Fiore”, teatro anche di quest’ultimo danneggiamento, ed anche in quel caso i carabinieri riuscirono ad intervenire assicurando alla giustizia i piccoli vandali.
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •