Tempo di lettura 2 Minuti

Dodici anni di mobilitazione, battaglie, intrighi, pettegolezzi, difficoltà.
Eppure il Centro per l’Autismo di Valle (frazione di Avellino) ancora non è stato completato.
La rincorsa degli annunci dell’imminente apertura della struttura, viene frenata sempre da lungaggini burocratiche, inadempienze politiche nonostante il traguardo sempre vicino.
Intanto l’autismo è “emergenza sociale”, così come è stato intitolato il dibattito che si è tenuto questo pomeriggio a Palazzo Vescovile ad Avellino per accendere, per l’ennesima volta, i riflettori su una vicenda che l’Aipa, lo ha ribadito, giudica “vergognosa”.
Non più solo il tempo delle speranza, ha evidenziato il direttore del “Quotidiano del Sud” e moderatore del dibattito Gianni Festa. Un tavolo che è anche un’occasione per lasciarsi con più certezza e tempi certi sull’apertura della struttura.

‘D’altronde il centro- ha aggiunto Elisa Spagnuolo, presidente dell’Associazione Aipa- per la Campania e tutta l’Italia meridionale, significherebbe cambiare completamente il mondo dei ragazzi autistici,
dare risposte dalla presa in carico, al trattamento medico-sanitario più opportuno con persone formate”.
Una doppia opportunità, ha precisato Spagnuolo, perché questo vorrebbe dire anche dare nuovi posti di lavoro in una terra in continua crisi occupazionale come l’Irpinia.
La Presidente se da un lato ringrazia l’Asl per l’impegno che cerca di garantire, non fa altrettanto con Comune di Avellino e Provveditorato agli studi, “totalmente assenti per ciò che gli compete”.

Eppure si sta parlando di un centro di riabilitazione che si occupa dell’autismo che segue l’esempio americano, che non esiste non solo in irpinia, ma in tutto il Sud.
Non è mai troppo tardi. Che il 2016 sia davvero l’anno buono.
Dopo 12 anni nessuno ha più scusanti.
“Forse a qualcuno da fastidio che entri in funzione?”, l’interrogativo che lancia il direttore Festa aggiungendo come “nessuno ci fermerà
IL RESOCONTO INTEGRALE DEL DIBATTITO SULL’EDIZIONE IRPINIA DEL “QUOTIDIANO DEL SUD” di giovedì 31 dicembre, CON UNA PAGINA SPECIALE

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •